Periodic San Paolo - Home Page

TUTTI GLI INTERVENTI SU EBREI E NAZISMO - 2

Pio XII ha parlato, eccome!

di ROSARIO F. ESPOSITO
      

   Vita Pastorale n.4 aprile 2002 - Home Page

Papa Pacelli era sicuro che una condanna urbi et orbi del nazifascismo avrebbe «aggravato» la situazione degli ebrei, i quali hanno comunque continuato ad apprezzare il suo comportamento e le sue parole, come ha testimoniato Golda Meir. E c’è anche il giallo dell’enciclica finita "bruciata".

Continuiamo la pubblicazione dei documenti attestanti gli interventi di Pio XII su ebrei e nazismo, iniziata con il numero di marzo di Vita Pastorale per gli anni 1935-1942. Come già detto, i testi pontifici sono ripresi dall’edizione ufficiale: Discorsi e radiomessaggi di S.S. Pio XII (Tipografia Poliglotta Vaticana, 20 volumi, 1955-1958); inoltre quando Pio XII usa le parole "stirpe" o "nazione", indica gli "ebrei". Per comodità si usano le abbreviazioni: DR (Discorsi e radiomessaggi) e RM (Radiomessaggio).

«Cadranno le nostre teste»

L’enciclica bruciata da monsignor Sapieha (1942). In una conferenza ai giovani dell’associazione Kolping (14 ottobre 1963) il vescovo ausiliare di Monaco, Johannes Neuhäusler, lesse la testimonianza del parroco Joseph Kaul, che nel 1942 era cappellano della Wehrmacht a Cracovia. Essa fu confermata da monsignor Quirino Paganuzzi. Il Kaul scriveva che questi il 14 agosto 1942 gli chiese la collaborazione per raggiungere l’episcopio, dove si qualificò col futuro cardinal Sapieha e gli consegnò il plico portato per incarico della Segreteria di Stato. «L’arcivescovo ruppe i sigilli e lo lesse fra lagrime di gioia. Vidi che si trattava di un’enciclica stampata in lingua polacca, il cui argomento principale era questo: Differenza ideologica ed opposizione al nazionalsocialismo. Il cardinale all’improvviso si batté una mano sul capo, lasciò cadere a terra il foglio ed esclamò: «Per l’amor di Dio, è assolutamente impossibile che comunichi al clero questa enciclica di Sua Santità, e tanto meno posso comunicarla al popolo della Polonia. Basta che una sola copia arrivi nelle mani della polizia tedesca e le nostre teste cadranno, e in tal caso la Chiesa di Polonia sarà rovinata. Ma il S. Padre non sa in che posizione ci troviamo? Questa enciclica dev’essere immediatamente bruciata. E senza pensarci su, gettò tutto il pacco sul fuoco». Monsignor Neuhäusler lesse poi alcune espressioni di monsignor Paganuzzi: «Ricordo ancora l’espressione terrorizzata di S. Ecc., che pure era tutt’altro che pauroso». Parlò dei trasferimenti degli ebrei nel lager di Treblinka e soggiunse: «Potessi almeno consolarli comunicando loro la partecipazione del Papa e della S. Sede alle loro sofferenze! In questo è il loro martirio. La situazione è la stessa in tutta la Polonia. La gente pensa di essere stata trascurata o addirittura abbandonata da Roma. Ma la realtà è che noi stessi vescovi non possiamo rendere di pubblica ragione i messaggi e gli incoraggiamenti del Papa, per evitare peggiori rappresaglie da parte della polizia politica tedesca» (Katholische Nachrichten Agentur - Bayerischer Dienst, 16.X.63).

Il discorso lacerato dal Papa (1942). Il settimanale Vita (8 aprile 1964, p. 15) pubblicò un’intervista al cardinal Tisserant in cui questi documentava l’opposizione di Pio XII al nazismo e l’opera svolta a favore degli ebrei. L’intervista era seguita da questa testimonianza del giornalista Lamberto Furno, attinta da fonte autorevole e mai smentita: «Nel 1942 il Papa preparò un discorso che condannava la ferocia dei nazisti, da pronunciare nel corso di una udienza che doveva concedere di lì a qualche ora a un gruppo tedesco. Preparò un testo molto vigoroso nella loro lingua. Un’ora prima dell’udienza, egli, che era solito soppesare ogni aggettivo, lo rileggeva ancora e rifletteva. Lo lesse ad una persona che gli era molto vicina, con voce vibrante, commossa, sdegnata, poi tornò a concentrarsi prima dell’ultima decisione e improvvisamente lacerò i fogli dicendo queste precise parole: "Io ho il dovere di semplificare, non di complicare le cose!". Quella protesta, rifletteva il Papa, avrebbe reso vana ogni azione per salvare le vittime del forsennato dittatore nazista».

RM natalizio del 1942. È uno dei documenti più vasti, organici e impegnativi relativi al diritto nazionale e internazionale, fondato sempre sul Misereor super turbam, che Pio XII considerava «una consegna sacra, inviolabile, valida e impellente in tutti i tempi e in tutte le situazioni umane» (DM, IV, p. 328). Il Papa rigetta le teorie razziste, in quanto fondate sulla «concezione che rivendica a particolari nazioni o stirpi o classi l’istituto giuridico, quale ultimo imperativo o norma inappellabile» (p. 334). Nelle Considerazioni sulla guerra mondiale e sul rinnovamento della società valorizzò, senza nominarle, sia le Convenzioni di Ginevra che la Croce Rossa, e condannò decisamente il nazismo e il genocidio ebraico: «Le Convenzioni internazionali per rendere meno disumana la guerra, limitandola ai combattenti, per regolare le norme dell’occupazione e della prigionia dei vinti, rimasero lettera morta in vari luoghi» (p. 344). Il Pontefice esprime il voto che venga ristabilito il diritto e il rispetto della dignità umana. Chi sottovalutasse questo appello e si permettesse ancora di parlare del silenzio di Pio XII, compirebbe un atto di grave miopia e una patente ingiustizia. Egli diceva infatti: «Questo voto l’umanità lo deve alle centinaia di migliaia di persone le quali, senza veruna colpa propria, talora solo per ragione di nazionalità o di stirpe, sono destinate alla morte o a un progressivo deperimento» (p. 345). La tragedia delle deportazioni, dei lager, delle camere a gas e della Endlösung è denunciata in termini lapidari.

Pio XII a San Lorenzo dopo un bombardamento.
Pio XII a San Lorenzo dopo un bombardamento.

I cosiddetti non-ariani

Lettera al vescovo di Berlino (30 aprile 1943). L’8 marzo 1964, parlando nel duomo di Monaco, il cardinal Julius Döpfner lesse la lettera che Pio XII il 30 aprile 1943 aveva inviato al cardinal Konrad Von Preysing, vescovo di Berlino, dando direttive valide per tutti i cattolici: «Ci ha recato grande consolazione il sentire che i cattolici, e proprio quelli berlinesi, hanno recato soccorsi ai cosiddetti non-ariani nella loro afflizione. In questo senso esprimiamo un sentimento di paterno riconoscimento e di intima compassione per il prelato Bernhard Lichtenberg [ora beato] che attualmente è in prigionia... Quanto all’azione ed al comportamento concreto, noi lasciamo la decisione ai pastori che risiedono e operano nei vari luoghi, benché l’esigenza fondamentale sia quella di evitare mali maggiori. È proprio questa la ragione per cui noi stessi nei nostri messaggi c’imponiamo delle limitazioni. L’esperienza che abbiamo fatta nel 1942, delle conseguenze prodotte dai nostri scritti, ci ha convinti che, per quanto ci è dato di vedere, tutto ciò giustifichi il nostro comportamento». Aggiungeva che i governanti avevano «ben capito» il cenno fatto nel radiomessaggio natalizio di quell’anno, e proseguiva: «Né ci occorre assicurare i cattolici non-ariani o semi-ariani, tanto figli della Chiesa che tutti gli altri, che nella rovina della loro esistenza esteriore e nelle loro necessità spirituali il nostro paterno affetto e interesse è cresciuto per essi di misura. Siamo risoluti, non appena le circostanze lo richiederanno o permetteranno, di alzare nuovamente la voce in loro favore» (Katholische Nachrichten Agentur, 9 marzo 1964, p. 8).

Discorso al S. Collegio (2 giugno 1943). Rispondendo agli auguri per il suo onomastico, Pio XII nel discorso rivolto ai cardinali riprese il tema della situazione in cui versavano coloro che erano perseguitati a causa della loro "stirpe". Dice che sente il loro grido; il Papa «risponde con sollecitudine particolarmente premurosa e commossa alle preghiere di coloro che a noi si rivolgono con occhio di implorazione ansiosa, travagliati come sono, per ragione della loro nazionalità o della loro stirpe, da maggiori sciagure e da più acuti dolori, e destinati talora, anche senza propria colpa, a costrizioni sterminatrici. Non dimentichino i reggitori di popoli che colui il quale porta la spada, non può disporre della vita e della morte degli uomini... Né vi aspettate che esponiamo dettagliatamente tutto quello che abbiamo tentato e procurato di compiere [a loro favore]. Ogni parola da noi rivolta a questo scopo alle competenti autorità, e ogni nostro pubblico accenno, dovevano essere da noi seriamente ponderati e misurati nell’interesse dei sofferenti stessi, per non rendere, pur senza volerlo, più grave e insopportabile la loro situazione. Purtroppo i miglioramenti visibilmente ottenuti non corrispondono alla grandezza della sollecitudine materna della Chiesa in favore di questi gruppi particolari, soggetti a più acerbe sventure; e come Gesù davanti alla sua città dovette esclamare dolente: Quoties volui... et noluisti! (Lc 13,34), così anche il suo Vicario, pur chiedendo solo compassione e ritorno sincero alle elementari norme del diritto e dell’umanità, si è trovato talora davanti a porte che nessuna chiave valeva ad aprire» (DR, V, pp. 76-77). Il Pontefice esprime poi ammirazione e solidarietà nei confronti della Polonia.

Discorso al S. Collegio (2 giugno 1944). «Mossi dall’esempio dei nostri predecessori, anche noi consideriamo come nostro dovere di rivolgere la nostra sollecitudine pastorale in un’ampiezza finora difficilmente superata o raggiunta... Non già che la Chiesa, massime nell’ora presente, aspiri in qualsiasi modo a vantaggi terreni o di gloria umana, perché ad una sola mèta sono tesi di giorno e di notte i nostri pensieri, come cioè ci sia possibile di ovviare a così acerba prova, soccorrendo tutti, senza distinzione di nazionalità e di stirpe, e come ci sia dato di cooperare affinché alla umanità tormentata dalla guerra possa essere alfine ridonata la pace» (DR, VI, p. 15).

Golda Meir con Ben-Gurion e Sharrett nel 1948.
Golda Meir con Ben-Gurion e Sharrett nel 1948 (Archivio storico Sir).

Reduci in udienza

Udienza del 29 novembre 1945. Un gruppo di 80 ebrei reduci dai campi di concentramento tedeschi domandarono «il sommo onore di poter ringraziare personalmente il S. Padre per la generosità dimostrata nei loro confronti durante il terribile periodo nazifascista». Nel corso dell’udienza il Papa rinnovò il rigetto delle dottrine razziste e rilevò che la visita dei reduci voleva essere «un’intima testimonianza di gratitudine» verso la Chiesa e i cristiani autentici che «sanno, nell’esercizio della carità, sollevarsi al di sopra di tutti gli angusti e arbitrari limiti creati dall’egoismo umano e dalle passioni razziste». Soggiunse che la Chiesa «non può se non mantenere un saggio riserbo di fronte alle singole questioni in quanto sono di carattere politico e territoriale. Ciò non impedisce che essa, proclamando i grandi principi della vera umanità e fraternità, venga a porre le basi e i presupposti per la soluzione delle questioni medesime secondo giustizia». Riferendosi poi al testo di Mt 5,45, disse che il sole di Dio-Padre «splende su tutti, di qualsiasi lingua e stirpe» (DR, VII, pp. 293,294).

Udienza del 3 agosto 1946. Parlando ai delegati del Supremo Comitato Arabo della Palestina, il Pontefice auspicò pace e benessere nella zona, nel «rispetto dei diritti altrui e delle tradizioni di certe posizioni e diritti acquisiti, specialmente nell’ambito religioso». E aggiunse: «Noi riproviamo qualsiasi ricorso alla forza e alla violenza, da qualunque parte «venga, come in passato abbiamo anche condannato in più riprese le persecuzioni che un fanatico anti-semitismo scatenava contro il popolo ebreo. Questa attitudine di perfetta imparzialità l’abbiamo anche mantenuta nelle circostanze più differenti e intendiamo mantenerla anche nell’avvenire» (DR, VIII, p. 201).

Udienza del 2 febbraio 1948. Ricevendo in visita ufficiale i dirigenti dell’United Jewish Appeal disse: «Salutiamo con gioia l’opportunità offertaci dalla vostra visita per manifestarvi quanto profondamente il nostro cuore paterno s’è commosso per le manifestazioni di gratitudine di cui siamo stati fatti oggetto a causa della possibilità che felicemente avemmo di aiutare, fra i molti altri, anche il vostro popolo durante gli oscuri giorni della guerra... In maniera tutta speciale oggi siamo desiderosi di salutare [nel testo: "to save", ndr] un piccolo gruppo di coloro che maggiormente ebbero bisogno della protezione, della cura, e dell’assistenza del padre. Questi furono sempre i più cari al Cuore di Cristo» (DR, IX, p. 451).

Il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau.
Il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau (foto Dondero).

«Vorrei dirlo alla radio»

Ai testi diretti di Pio XII, fanno riscontro le testimonianze da parte ebraica. Il rappresentante dell’Agenzia ebraica di Gerusalemme, C. Barlas, il 20 gennaio 1943 scriveva a monsignor Gustavo Testa, delegato apostolico in Egitto e Palestina: «L’atteggiamento umanitario di S. Santità, che ha espresso la sua indignazione contro le persecuzioni razziali, fu una sorgente di conforto notevole per i nostri fratelli. Potrei avventurarmi a suggerire di cercare un’occasione per dichiarare alla radio o in altro strumento utile che aiutare gli ebrei è considerato dalla Chiesa un’opera buona? Questo rafforzerebbe i sentimenti di quei cattolici che, come sappiamo ed apprezziamo, aiutano gli ebrei nei territori occupati d’Europa» (Osservatore Romano, 5 giugno 1964). Il rabbino di Romania, A. Saffran, più volte espresse gratitudine al nunzio, monsignor Andrea Cassulo. Il 7 aprile 1944 gli scrisse: «In questi tempi duri i nostri pensieri si volgono più che mai a quanto è stato compiuto dal Sommo Pontefice in favore degli ebrei in generale e da V. Ecc. in favore di quelli della Romania e della Transilvania. Essi non dimenticheranno mai questi fatti» (Civiltà Cattolica, 1961, vol. III, p. 462). È nota la testimonianza dei coniugi Wolfsson: «Nessuno di noi ha desiderato che il Papa parlasse apertamente; eravamo dei fuggitivi, e chi fugge non desidera essere mostrato a dito. La Gestapo ne sarebbe stata ancora più eccitata ed avrebbe intensificato le sue inquisizioni. È stato meglio che il Papa abbia taciuto; tutti allora pensavamo così e anche oggi riteniamo la stessa convinzione» (CC, 1963, II, 317). Pinchas E. Lapide riporta una lettera inviata al Papa il 29 ottobre 1944 da Giovanni Herrmann, direttore del campo di concentramento di Ferramonti (Cosenza): «La Santità Vostra ha alzato intrepida la sua voce per rivendicare apertamente i nostri diritti alla dignità umana ridonando fiducia a quanti tra noi erano tentati alla disperazione, e rinforzando in noi la fede in questi ideali. Quando nel 1942 eravamo minacciati della deportazione in Polonia, la S.V. ha steso protettrice la sua mano impedendo la deportazione degli ebrei internati in Italia e salvandoci da morte sicura» (Osservatore della domenica, 28 giugno 1964, p. 80).

Il ministro degli esteri israeliano, signora Golda Meir, in diverse occasioni è stata talmente esplicita da lasciar intendere che su questo argomento possedesse una documentazione particolarmente ricca. Da New York, dove si trovava in visita, interrogata sulla questione disse: «Durante il decennio in cui il nostro popolo dal terrore nazista era sottoposto ad un orribile martirio, la voce del Papa si è levata a condanna dei persecutori ed a compartecipazione delle sofferenze dei perseguitati» (Katholische Nachrichten Agentur, 1964, IV, p. 307). Man mano che il ricordo della tragedia si è sfumato, nel mondo ebraico si è verificata una presa di distanza tanto dal magistero di Pio XII che dalla sensibilità manifestata ripetutamente dai beneficati. È nostra ferma convinzione che le giovani generazioni israelite gradualmente riprenderanno i contatti con tutt’e due le realtà, il cui fascino è di una edificazione che sarà sempre più apprezzata e valorizzata.

Rosario F. Esposito
(2 - fine)

   Vita Pastorale n.4 aprile 2002 - Home Page