:: Lo SPICS è dotato di una mediateca specializzata, aggiornata continuamente con opere selezionate nelle lingue più importanti e inerenti gli argomenti di cui 
il Centro si occupa   >>vai


 

 

 

I CORSI SONO ATTUALMENTE SOSPESI FINO A NUOVE DISPOSIZIONI 


Lo Studio Paolino Internazionale della Comunicazione Sociale (SPICS) compie nel 2001 ventinove anni di vita.

Il Centro è l’attuazione di un progetto, a lungo studiato, che ha come fondamento il carisma di don Giacomo Alberione (1884-1971): "Predicare con i mezzi della comunicazione sociale: stampa, cinema, radio, televisione, dischi...".

I quattro cardini di questo carisma sono: ascolto di Dio, che nella Chiesa è salvezza continua; ascolto dell’uomo contemporaneo, che vive a confronto con i problemi del progresso; attenzione ai mezzi della comunicazione sociale, come strumenti di promozione della libertà e occasione di evangelizzazione; realismo pastorale, che sa organizzare un progetto di salvezza efficace. La Società San Paolo, prima Congregazione religiosa fondata da don Alberione per l'apostolato della comunicazione sociale, continuando l'opera del fondatore, ha istituito lo SPICS per lo studio scientifico delle discipline della comunicazione sociale in vista di un impiego pastorale.


L'attività dello SPICS si muove su tre direttrici complementari:

1. Lo SPICS è un centro di ricerca e di studio sulla comunicazione sociale a servizio delle Congregazioni religiose e degli Istituti secolari fondati da don Alberione. Desidera garantire ai membri:

competenza per l'uso apostolico dei media;
ricerca teologica che tenga conto dei linguaggi della comunicazione sociale;
studio approfondito del carisma di don Alberione.

2. Lo SPICS, inoltre, è al servizio di coloro che, nella Chiesa, si interessano all'evangelizzazione con i mezzi della comunicazione sociale. Vescovi, sacerdoti, religiosi, religiose e laici hanno così la possibilità di:

acquisire una educazione personale e una mentalità riguardo ai mass media;
acquisire una formazione alla catechesi e all'animazione dei centri culturali attraverso questi mezzi;
prendere coscienza dell'importanza di evangelizzare con i mass media;
sensibilizzarsi alle questioni etiche e pastorali legate ai media.

3. Lo SPICS, infine, è un centro di ricerca aperto a tutti coloro che hanno fatto dei mass media il campo dei loro studi e delle loro attività. ll centro:

organizza corsi di formazione ai mass media;
favorisce il dialogo tra specialisti organizzando manifestazioni, convegni e seminari;
collabora con altri Istituti e Università specializzati nell'ambito della comunicazione sociale.


Lo SPICS è dotato di una mediateca specializzata, aggiornata continuamente con opere selezionate nelle lingue più importanti e inerenti gli argomenti di cui il Centro si occupa. Libri, riviste, giornali, dischi, videocassette, cassette, film, cd e cd-rom formano un ampio e valido materiale di consultazione per coloro che desiderano aggiornarsi nei vari campi della comunicazione. Sono possibili ricerche per titolo, autore, argomento, parole chiavi e realizzare incroci tra i molteplici dati della descrizione dell'opera inserita nel computer.

I settori della Mediateca sono:

a) Cultura generale.

b) Propedeia: Bibliografia - Metodologia - Statistica.

c) Comunicazione, in quanto materiale relativo alle problematiche del ‘segno’ in sé e in riferimento alle scienze umane e mediali.
Sezioni: Segnologia (Epistemologia - Filosofia linguistica - Logica filosofica - Linguistica - Semiologia - Semantica - Semiotica) - Scienze umane (Antropologia - Pedagogia -Psicologia - Sociologia) - Comunicazione sociale - Didattica mediale - Informatica - Cibernetica - Diritto.

d) Arti visive, considerate come insieme di organizzazioni segniche, non solo di tipo simbolico e teorico ma anche di carattere descrittivo, esplicativo, comunicativo e valutativo.
Questo settore studia le possibilità progettuali e la logica "prassistica " dell’agire artistico, nelle sue dimensioni di trasformazione del mondo.
Sezioni: Estetologia - Iconologia - Pittura - Scultura - Architettura - Urbanistica - Grafica - Design

e) Mass media e Personal media, come studio dei vari media, approfondimento dei linguaggi specifici e delle tecniche comunicative e, infine, delle regole di mercato che ne gestiscono la diffusione.
Sezioni: Cinema - Pubblicità - Propaganda - Opinione pubblica - Relazioni pubbliche - Manifesti - Marketing -Tempo libero - Editoria - Stampa di massa - Giornalismo - Fumetto - Fotografia - Radiofonia - Televisione - Musica- Multimedialità.

f) Teatro, comprendente il materiale relativo sia alla teoria e scienza dello spettacolo che alle realizzazioni pratiche, con particolare attenzione alle nuove forme espressive.
Sezioni: Comunicazione non verbale - Agogica - Espressione corporale- Danza-balletto - Liturgia - Mimo-teatro gestuale - Teatro - Drammaturgia.

g) Evangelizzazione, come raccolta di tutto il materiale relativo ad una riflessione teologica capace di ripensare il piano della salvezza alla luce della categoria della comunicazione.
I sussidi biblici, cristologici e magisteriali raccolti evidenziano le caratteristiche di ogni azione che voglia chiamarsi "apostolato" e di ogni persona che voglia definirsi "apostolo".
Sezioni
: Evangelizzazione - Evangelizzazione e comunicazione sociale - Teoria dell’apostolato - Teologia e comunicazione - Pastorale e comunicazione - Carisma paolino.

 

Studio Paolino Internazionale della Comunicazione Sociale
Via Alessandro Severo, 56 - 00145 ROMA
Tel. (06) 54.11.339 - Fax (06) 54.14.689
        E-mail:
spics@stpauls.it

 

Raggiungibile:
da Termini con MM linea B: Stazione Basilica San Paolo
da Termini con BUS 714
da San Pietro con BUS 23
da Piramide con BUS 769 - 715
da Raccordo Anulare (GRA): Uscita 20 EUR; 
Cristoforo Colombo in direzione Centro