Madre di Dio

 

N. 12 dicembre 2003

Invocazione natalizia

Amici lettori

Il mistero del Natale nel tempo
  
Mons. Angelo Comastri

Maria, l’umile serva innalzata e incoronata
  
Stefano De Fiores

"O nome della Madre di Dio, sei tu il mio amore!"
  
Alberto Rum

L’anima contemplativa di Maria
  
Giuseppe Daminelli

La devozione alla Vergine dei Vescovi di Firenze
  
A cura della Redazione

Madre di Gesù, Madre dell’umanità
  
Bruno Simonetto

Fatti e persone
  
a cura di Bruno Simonetto

Il Giardino della Panaghía fucina di monaci santi
  
George Gharib

"Non vivere da santo è vivere da folle"
  
Maria Di Lorenzo

La grande devozione mariana del Beato Giovanni XXIII
   Luigi De Candido

In Libreria

La Mariologia del Beato don G. Alberione - 21
  
Bruno Simonetto

I misteri del rosario

 

Madre di Dio n. 12 dicembre 2003 - Copertina

Mons. Angelo ComastriLa perenne lezione di Betlemme

di Mons. ANGELO COMASTRI

Il mistero del Natale nel tempo
   

Domande di sempre: che cosa è accaduto a Betlemme? Perché da due millenni il mondo sembra fermarsi in questa Notte Santa? E ancora: si vede qualche conseguenza della venuta di Dio in mezzo a noi? – La risposta è nei fatti della storia dell’umanità.

Se nel giorno di Natale io mi trovassi solo in chiesa, mi toglierei le scarpe e, avanzando scalzo, attraverserei lentamente tutta la chiesa ricordando il lungo cammino che parte da Betlemme. E poi mi inginocchierei davanti a Gesù Bambino e gli consegnerei due lacrime! Sì, due lacrime di pentimento per non aver ascoltato la voce buona di Betlemme, per non aver capito la meravigliosa lezione di Betlemme.

Poniamoci ancora una volta la domanda: che cosa è accaduto a Betlemme? Perché da due millenni il mondo sembra fermarsi in questa notte e in questo giorno? Mi trema la voce e mi batte il cuore nel ricordare il fatto incredibile: duemila anni fa, Dio ha fatto un passo decisivo e irreversibile verso di noi; Dio ha lasciato che il suo Figlio in qualche modo uscisse dall’abbraccio divino ed entrasse nella nostra storia pericolosa, infida, inospitale: sì, inospitale soprattutto per Dio. Eppure è accaduto!

Miracolose ‘conseguenze’ della venuta di Gesù fra noi

E le conseguenze? Si vede qualche conseguenza della venuta di Dio in mezzo a noi? Sì, certamente: basta aprire gli occhi.

Gesù è un potenziale d’amore divino che si è inserito nel tronco inaridito dell’umanità. Basta allora che un persecutore, davanti a Lui, cada dal cavallo dell’orgoglio… ed ecco il miracolo: il persecutore si alza innamorato di Cristo, fino a girare il mondo per Lui e a morire per Lui: è la storia meravigliosa di Paolo di Tarso.

Natale naïf.
Natale naïf – Grande quadro realizzato da Giovanni Galli 
per la Chiesa parrocchiale dell’Annunciazione ad Affori (Milano)

Basta che un lussurioso inquieto si nasconda nel silenzio e nella preghiera per ascoltare Cristo… e nasce un gigante di santità che ancora oggi fa venire le vertigini: è la vicenda incantevole di Aurelio Agostino di Ippona.

Basta che un giovane gaudente e malaticcio ascolti la voce del Crocifisso… e nasce Francesco d’Assisi: un gigante della poesia, un gigante della libertà interiore, un gigante della pace, un gigante del dialogo e della comunicazione… perché era un gigante della santità, cioè un uomo che si è offerto a Dio come un’umile culla.

Basta che una donna analfabeta si inginocchi davanti a Gesù e si consegni a Lui… e nasce Caterina da Siena: una donna che è stata capace di dare una svolta decisiva alla storia del suo tempo, ricordando il Vangelo al primo responsabile dell’annuncio del Vangelo, il Papa!

Questi sono fatti! E possiamo continuare quanto vogliamo.

Basta che in pieno secolo ventesimo un povero fraticello, discepolo di Francesco d’Assisi, si metta in sincero ascolto di Cristo… e nasce Padre Pio da Pietrelcina: un uomo che, vivendo in pochi metri quadrati di Convento, attira intorno a sé una folla strabocchevole proveniente da tutti gli angoli della terra.

Basta che una fragile donna dei nostri giorni senta la voce di Gesù che le dice: "ho sete!" … e nasce il miracolo d’amore di Madre Teresa di Calcutta: una donna che, pregando, è diventata un incendio di carità e un contagioso esempio di misericordia, che ha stupito il mondo intero.

Tutto questo nasce da Gesù: tutto questo parte da Betlemme!

E poi milioni e milioni di persone che, nel silenzio della casa o della fabbrica o degli ospedali o dei lebbrosari o di mille altre frontiere d’amore, hanno scritto pagine meravigliose di bontà, sempre e soltanto per Lui: per Gesù!

Questo è il Natale: accorgerci di Gesù, accoglierlo nella vita e lasciar continuare in noi la novità della santità sbocciata come un inatteso miracolo nella povera mangiatoia di Betlemme. Ognuno di noi ripeta oggi questo miracolo.

Buon Natale!

Mons. Angelo Comastri