Madre di Dio

 

N. 8/9 agosto-settembre 2007

  Maria nell'arte miniata - 8

  Come Maria, destinati alla gloria

Amici lettori

La mariologia di Fatima
    
Stefano De Fiores

Una manifestazione che apre la contemporaneità
    
Monica Cuzzocrea

Maria, un modello per il nostro tempo
    Giuseppe Daminelli

L’aiuto a ritrovare la strada verso Dio
  
 Domenico Marcucci

La Vergine nella morte e risurrezione di Gesù
    
Simone Moreno

L’ultima veggente di Fatima
    
Vincenzo Vitale

Maria, regina della famiglia
    
Alberto Rum

L’aurora, splendore del pieno giorno salvifico
    
Sergio Gaspari

Il significato teologico dell’Assunzione
    Bruno Simonetto

Fatti e persone
    
a cura di Stefano Andreatta

 Le Apostole della vita interiore
    
Maria Di Lorenzo

In Libreria

Nella Famiglia Paolina
   
Domenico Marcucci

Santuari mariani d'Europa
  

Madre di Dio n. 8/9 agosto-settembre 2007 - Copertina

 Uno scrittore e un libro

 
di VINCENZO VITALE

L’ultima veggente di Fatima
   

È stato omesso qualche cosa dal terzo "segreto" di Fatima? Come mai è stato reso noto dopo tanti anni? A queste e altre domande risponde il libro-intervista di Giuseppe De Carli al cardinale Tarcisio Bertone L’ultima veggente di Fatima.
 

Ha davvero qualche cosa di straordinario l’evento delle apparizioni di Fatima: mentre Francesco e Giacinta Marto muoiono presto (1919 e 1920) , a ridosso degli eventi, suor Lucia attraversa tutto il XX secolo; da uno sperduto villaggio del Portogallo, dove la Vergine appare a tre bambini senza cultura per rivelare loro un messaggio del cielo, la questione dei "segreti" tocca da vicino le tragedie del Novecento (guerre mondiali, Shoah) e il destino di un «vescovo vestito di bianco» destinato alla morte, rivelatosi poi papa Giovanni Paolo II.

È noto che i messaggi consegnati a suor Lucia dalla Vergine sono stati messi per iscritto nel 1941 (prima e seconda parte) e nel 1944 (terza parte) e sono stati recapitati alla Santa Sede nel 1957, con la famosa scritta «1960» sulla busta contenente il terzo "segreto". E che ben tre Papi (Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo I) ritennero di non pubblicare i contenuti del messaggio. Perché?

Copertina del libro.
Copertina del libro.

Da questa domanda sono sorte un’infinità di speculazioni e (pseudo)interpretazioni. Nel 2000 Giovanni Paolo II, Papa legato al terzo "segreto" per le vicende dell’attentato, decide di divulgarne il contenuto, per porre fine alle speculazioni apocalittiche che ormai si moltiplicano; viene pubblicato anche il Commento teologico dell’allora cardinale Ratzinger. Il 13 febbraio 2005 suor Lucia muore, a 97 anni.

Questa è, per sommi capi, la vicenda dei "segreti" di Fatima. A ripulire l’aria da illazioni selvagge giunge un libro-intervista del vaticanista Giuseppe De Carli al cardinale Tarcisio Bertone, ora Segretario di Stato Vaticano: L’ultima veggente di Fatima. I miei colloqui con suor Lucia, edito da Rai-Eri Rizzoli (Milano 2007, pp. 196, euro 16,50).

Il cardinale Bertone ha incontrato suor Lucia per ben tre volte tra il 2000 e il 2003 e ha avuto con lei lunghi colloqui, dai quali ha potuto accertare (su incarico del Santo Padre) che i tre "segreti" depositati presso la Santa Sede contenessero effettivamente tutto quello che la Madonna ha comunicato a Lucia e che nulla era stato omesso. Nell’intervista si dipana così gradualmente, e con molti dettagli interessanti sulle vicissitudini di Giovanni Paolo II (in particolare la vicenda dell’attentato e la sua relazione con il terzo "segreto" di Fatima), la storia dei tre "segreti" di Fatima: attraverso il ricordo del cardinale degli incontri avuti con suor Lucia, descritta come una persona luminosa e credibile (pp. 39-44), attraverso le peripezie degli scritti contenenti i tre "segreti" e la loro progressiva comprensione, attraverso la sofferenza fino al sangue di un Papa, Giovanni Paolo II, segnato fin nel fisico da una profezia che in alcune parti lo riguardava direttamente. Il cardinale poi, con precisa testimonianza, dissipa le illazioni sull’esistenza di due buste e due segreti (pp. 75-84), che il Vaticano avrebbe tenuto nascosti perché parlerebbero di un’apostasia planetaria della Chiesa, tesi ricorrente e dura a morire, ma che nessuno riesce a comprovare. È evidente qui il riferimento alle dietrologie divulgate da Antonio Socci nel suo libro Il quarto segreto di Fatima (2006).

Il cardinale Bertone mostra in tv la lettera del terzo "segreto".
Il cardinale Bertone mostra in tv la lettera del terzo "segreto".

Insomma, un libro, questo di De Carli con Bertone, ricco di informazioni e molto scorrevole, ben condotto dal giornalista, che ci fa ripercorrere un buon tratto di storia della Chiesa (e non solo, dato che si toccano anche i fatti riguardanti la Russia e il comunismo e la Shoah) del XX secolo vista attraverso il prisma di Fatima e del suo messaggio-appello alla conversione e alla preghiera. Il libro poi si avvale della presentazione autorevole di Benedetto XVI e riporta in appendice il testo integrale dei tre "segreti" (pp. 146-159), con le fotografie degli autografi di Lucia, il Commento teologico del 2000 firmato da Ratzinger e la cronologia degli eventi di Fatima. Un’ottima occasione anche per approfondire il concetto di "segreto" nel senso di una visione profetica (pp. 64-65).

Vincenzo Vitale