Periodici San Paolo - Home Page Un inedito di...

Alessandro Ceni

a cura di Antonio Riccardi


   Letture n.572 dicembre 2000 - Home Page
Alessandro Ceni. Nato a Firenze nel 1957. Poeta, pittore e traduttore di classici angloamericani. Tra i volumi di poesia siAlessandro Ceni. ricordano: I fiumi, Marcos y Marcos, 1985 (2ª ed. 1990); La natura delle cose, Jaca Book, 1991; Il pieno e il vuoto (antologia delle poesie dal 1976 al 1995), Marcos y Marcos, 1996. È in preparazione un volume che raccoglierà le ultime tre plaquette ("Nel regno", "La realtà prima", "Ossa incise e dipinte"), cioè il lavoro poetico dal 1991 al 1998. Tra le traduzioni: J. Milton, Sansone agonista, Studio Tesi, 1987; E.A. Poe, Eureka, Mondadori, 1993; S.T. Coleridge, La ballata del vecchio marinaio, Feltrinelli 1994; R.L. Stevenson, Il ragazzo rapito, Bompiani, 1996; R.L. Stevenson, I racconti, Einaudi, 1999.

  
Perimetro

La fede del bimbo piegato dalla preghiera della sera
disegna contro la ruvida cruna della carta una matita
che disegna comignoli che affumicano la carta
in perenne dominio di un cane giallo
che esce dal margine
della cuccia del foglio e abbaia a una faccia
che si affaccia e dice è tardi, è la sera,
e i buoni ora riposano.
Nel buio della stanza-bambina entra una stella
e il senso del passato e i teschi e le tibie
e uno che già presagisce la rovina
dei suoi lombi perfetti
mentre il battito rallenta, la testa buca la membrana
e si inietta una dose di sonno, e la madre
lo asperge di una lacrima.
Ma il bimbo mette incinta tutto ciò che si muove,
il vento nell’orto, la prua nel flagello,
il cristallino azzurro nell’occhio dell’annegato e
tutto ciò che è bello per le sue anomalie di forma,
ed egli strofina la grafite del sesso
per concepire la pentola che bolle.

  

IL COMMENTO DELL’AUTORE

È una poesia di un anno fa e insieme ad altre tre o quattro segna l’uscita da un lavoro quasi decennale, svolto come una discesa nel Maelstrom, sopra e dentro l’uomo, quasi sempre colto nell’ineluttabile tragedia dell’esistenza. La figura del bimbo, creatura che con l’animale costituisce l’estremo baluardo della possibilità del mondo, del bimbo-concepitore (la realtà che dovrà germinarsi), assorbe e rilascia come una spugna marina l’energia che si annida nelle cose, ma che solo a lui è manifesta in quanto possessore del "genoma" dell’innocenza, ovvero stato di grazia dell’infanzia.

a.c.

   Letture n.572 dicembre 2000 - Home Page