Periodici San Paolo - Home Page

Un inedito di...

  
Nino De Vita

a cura di Daniele Piccini
  


   Letture n.648 giugno-luglio 2008 - Home Page
Nino De Vita.Nino De Vita è nato a Marsala, dove vive, nel 1950. Si occupa della "Fondazione Leonardo Sciascia", sorta a Racalmuto per volontà dello scrittore siciliano. Ha pubblicato, con l’editore Mesogea di Messina, tre volumi di versi in dialetto siciliano – Cutusìu (2001), Cùntura (2003), Nnòmura (2005) – e uno in italiano Fosse Chiti (2007). Con l’editore Orecchio acerbo di Roma ha pubblicato due storie in versi per ragazzi: Il cacciatore (2006) e Il racconto del lombrico (2008), illustrati rispettivamente da Michele Ferri e da Francesca Ghermandi.

  
 

I LIBBRA

I libbra stannu fermi
ma rintra hannu una vita
ch'i macina: cci sunnu
i cinchedda, i sbintati, i luparini;
i torti, i macanzisi;
alivoti cci sunnu 'i scarafuna,
i peppinnappa, l'òmini squaguègnari,
'i ngazzati, l'eroi;
cc'esti scacazzu tintu
nnê cantunera bbianchi
r'i fogghi, c'è 'u silenziu,
cci su' ncuttumi, 'i tuppulì r'u cori…

I libbra stannu suli, comu chiddi
chi sunnu dispizziati, l'angariati,
stritti nnô stipu, muti:
l'ùmidu 'i puntiddia,
nnê vasciura scurusi
cu' 'a muffa ê piricina.

I libbra cci hannu 'a firi,
'i paroli chi sarvanu.
Fannu pinzari, chiànciri,
nni fannu scaccaniari;
amici ncudduriati
ri chiddi nfarinati, i sularini.

Hannu tristizza i libbra
chi niàvutri 'un putemu
capiri mai, un dduluri
chi linzittia 'i carni.
Gnunìanu trisora, l'allisciati
ri chiddu chi, calatu
a pinzari, a nchiappari
nnê fogghi, sapi chi
cci sunnu.

  
I libri. I libri stanno fermi / ma dentro hanno una vita / intensa: ci sono / gli scapestrati, i libertini, i chiusi di carattere, / i malvagi, i traditori; / a volte ci sono gli ingordi, / i trasandati, gli uomini miseri, / gli amanti, gli eroi; / ci sono paure indicibili / negli spazi bianchi / dei fogli, c'è il silenzio, / ci sono pene, i palpiti del cuore…// I libri stanno soli, come quelli / che sono maltrattati, che vivono un sopruso, / ristretti negli scaffali, muti: / l'umido li macchia, / nei posti bassi, oscuri / con la muffa agli angoli. // I libri hanno la fede, / le parole che salvano. / Fanno pensare, piangere, / ci fanno smascellare dalle risa; / amici intimi sono / dei sapienti, dei solitari. // Hanno tristezze i libri / che noi non possiamo / capire mai, un dolore / che lacera le carni. / Nascondono tesori, le carezze / di quello che chinato / a pensare, a scrivere / sui fogli sa che / ci sono.

  

  
IL COMMENTO DELL’AUTORE

Ho scritto questa poesia – nel dialetto della mia contrada, che ha nome Cutusio ed è posta proprio davanti all’isola di Mozia – dopo aver conversato, una mattina, con un ragazzo che, sullo stradale, con un enorme fascio di libri sotto il braccio, aspettava la corriera che da Cutusio lo portasse nella città di Marsala, dove studiava. Il ragazzino, figlio di contadini, si esprimeva nel dialetto, si può dire ancora "puro" , che aveva appreso dai nonni che, con lui, nella stessa casa, vivevano.

n.d.v.

   Letture n.648 giugno-luglio 2008 - Home Page