Periodici San Paolo - Home Page

Un inedito di...

  
Federico Italiano

a cura di Daniele Piccini
  


   Letture n.644 febbraio 2008 - Home Page
Federico Italiano.
Federico Italiano è nato a Novara nel 1976. Da alcuni anni vive a Monaco di Baviera. Traduttore (in particolare dal tedesco) e saggista, come poeta ha pubblicato la raccolta Nella costanza (Edizioni Atelier, 2003) e il poemetto I mirmidoni (2006). È in preparazione la sua nuova raccolta organica, dal titolo L'invasione dei granchi giganti.

  
 

Variazione su Ash-Wednesday
Signore, questo è tempo di tensione,
la certezza
o ha un sigillo o è graduabile
secondo la reperibilità
               in rete.
Ascoltaci, Signore dell’Humus, a
scoltaci e potenziaci, in questo
              tempo di tensione.
L’albero che svettava
era così sicuro, frondoso, resistente.

Perché ci devolvesti al sotterraneo,
alla zolla,
non eravamo già abbastanza confusi?
Signore, questo è tempo di tensione,
                   non c’è aria.
Qui confesso di venerare il Rizoma -
eppure ero tranquillo sotto gli alberi
                   soteriologici
piaceva sapersi compiaciuti di sapere dove sta il
Bene.

Signore, non c’è aria.

Signore, vidi un dragone oro-arancio
fornicare coi tombini del centro
le vie ne portano ancora traccia.
L’anno comincia solo ora, mi disse.
Avranno bisogno di nuove forze
                   levatrici, là in Cina,
                   per l’Anno del Maiale.
A chi credere? Ora che non c’è più luogo,
che non c’è più territorio.

Signore, qui non c’è aria.
  

  
IL COMMENTO DELL’AUTORE

Era un pomeriggio insolitamente tiepido – ricorreva il Capodanno cinese. Stavo leggendo in una piazzetta vicino casa, quando mi passò sotto il naso un dragone oro-arancio. Uomini e donne, riconoscibili solo dalle caviglie, lo tenevano orizzontale, facendolo levitare, mellifluo eppure teso. Mi venne alla mente un verso di T.S. Eliot: «This is the time of tension between dying and birth».

f.i.

   Letture n.644 febbraio 2008 - Home Page