Don Giacomo Alberione
Società San Paolo

 









 
 

Search

 
Information Service
 

  Sito riservato
ai membri della  
  Società San Paolo
.

 














 

 
   
La Società San Paolo è una Congregazione Religiosa fondata nel 1914 in Italia ad Alba (Cuneo), da Don Giacomo Alberione.

I membri della Società San Paolo, conosciuti come Paolini, fedeli alla missione loro affidata dal fondatore, si impegnano nella diffusione del messaggio cristiano utilizzando i mezzi che la tecnologia mette a disposizione dell'uomo di oggi per comunicare. Operano in 30 nazioni. Molteplici sono i campi di attività: editoria libraria, giornalistica, cinematografica, musicale, televisiva, radiofonica, audiovisiva, multimediale, telematica; centri di studio, ricerca, formazione, animazione.

Il marchio che caratterizza tutti i prodotti e le attività dei Paolini rappresenta efficacemente la dinamica della loro presenza. 

Il Governo Generale e i Governi di Circoscrizione, rendono vitale e attuale la missione. Don Giacomo Alberione, sullo stile di san Paolo, per farsi "tutto a tutti", oltre la Società San Paolo ha fondato quattro Congregazioni: le Figlie di San Paolo, le Suore Pie Discepole del Divin Maestro, le Suore di Gesù Buon Pastore (Pastorelle), l'Istituto Regina degli Apostoli per le vocazioni (Suore Apostoline); quattro Istituti aggregati: San Gabriele Arcangelo, Gesù Sacerdote, Maria Santissima Annunziata, Santa Famiglia; e l' AssociazioneCooperatori Paolini. Insieme costituiscono la Famiglia Paolina.



Società San Paolo

Fondata il 20 agosto 1914 e approvata definitivamente dalla Santa Sede il 27 giugno 1949, ha come missione "l'evangelizzazione con i moderni mezzi di comunicazione". Si compone di religiosi sacerdoti e religiosi laici (chiamati Discepoli del Divin Maestro). Presente nei cinque continenti, la Società San Paolo si serve di riviste, libri, cinema, radio, televisione, dischi, musicassette, compact disc, siti internet e di ogni tecnologia comunicativa per annunciare Cristo e parlare di tutto cristianamente alle masse lontane dalla vita parrocchiale. I modelli della missione sono: Gesù Maestro, San Paolo, l'apostolo che si "fa tutto a tutti" e Maria Regina degli Apostoli che dà vita al Cristo, comunicatore del Padre.



Don Giacomo Alberione
«Eccolo umile, silenzioso, instancabile, raccolto nei suoi pensieri che corrono dalla preghiera, all'opera, sempre intento a scrutare i segni dei tempi. Il nostro don Alberione ha dato alla Chiesa nuovi strumenti per esprimersi, nuovi mezzi per dare vigore e ampiezza al suo apostolato... Lasci che il Papa, a nome di tutta la Chiesa, esprima la sua gratitudine.»Don Giacomo Alberione

Così si esprime Paolo VI il 28 giugno 1969. Don Alberione è in udienza dal Papa accompagnato dai partecipanti al secondo Capitolo generale e da una folta rappresentanza di Paolini e Paoline. In questa occasione il Papa conferisce al fondatore della Famiglia Paolina la croce "Pro Ecclesia et Pontifice".

Due anni più tardi, il 26 novembre del 1971, nel tardo pomeriggio, Paolo VI visita in forma privata Don Alberione morente. Alle 18,26 dello stesso giorno Don Alberione chiude la sua esistenza terrena. Le ultime parole lasciate come testamento spirituale ai suoi figli e alle sue figlie sono un invito alla speranza: "Muoio... prego per tutti, Paradiso!".

Queste sono le tappe essenziali della sua vita:

  • 1884, 4 aprile - Giacomo Alberione nasce a San Lorenzo di Fossano (Cuneo).

  • 1890-1891 - Frequenta la prima classe elementare a Cherasco.

  • 1896, 25 ottobre - Entra nel seminario di Bra.

  • 1900, mese di aprile - Viene invitato a lasciare il seminario di Bra.

  • 1900, mese di ottobre - Entra nel seminario di Alba.

  • 1900, 31 dicembre-1° gennaio 1901 - Partecipando all'adorazione notturna nel duomo di Alba, si sente obbligato a fare qualche cosa per il Signore e gli uomini del nuovo secolo.

  • 1907, 29 giugno - Viene ordinato sacerdote ad Alba.

  • 1908 - Per alcuni mesi svolge attività pastorale a Narzole.

  • 1908, 1° ottobre - Rientra in seminario e viene nominato direttore spirituale dei giovani e dei chierici.

  • 1913, mese di settembre - Assume la direzione del settimanale Gazzetta d'Alba.

  • 1914, 20 agosto - Fonda la Società San Paolo

  • 1915, 15 giugno - Fonda le Figlie di San Paolo.

  • 1921, 5 ottobre - Si costituisce, con l'emissione dei voti (privati) di alcuni suoi membri, la Pia Società San Paolo.

  • 1921, 23 novembre - Alberione chiede a monsignor Giuseppe Francesco Re, Vescovo di Alba, di erigere la Società San Paolo in congregazione diocesana.

  • 1924, 10 febbraio - Fonda le Pie Discepole del Divin Maestro.

  • 1936, mese di agosto - Dà inizio, a Roma, alle Pastorelle.

  • 1938, 7 ottobre - A Genzano (Roma) nascita ufficiale delle Pastorelle.

  • 1947, 3 aprile - Le Pie Discepole diventano una congregazione di diritto diocesano.

  • 1957, 4 aprile - Inizia il primo capitolo generale della Società San Paolo, nel quale Don Alberione viene confermato superiore generale.

  • 1959, 8 settembre - A Castelgandolfo (Roma) nascono le Apostoline.

  • 1960, 8 aprile - La Sacra Congregazione dei Religiosi approva l'"Associazione Paolina" composta di tre istituti aggregati: Gesù Sacerdote, San Gabriele Arcangelo e Maria SS. Annunziata.

  • 1969, 5 agosto - Il secondo capitolo generale della Società San Paolo proclama Don Alberione superiore generale emerito ed elegge don Luigi Damaso Zanoni come nuovo superiore generale dell'istituto.

  • 1971, 26 novembre - Alle 18,30 circa Don Alberione muore a Roma, nella casa generalizia, dopo aver ricevuto la visita di Paolo VI.

  • 1981, 4 maggio - Viene concesso il nulla osta per la causa della sua beatificazione.

  • 1996, 25 giugno - Viene firmato il Decreto di Venerabilità, con il quale si stabilisce l'eroicità delle sue virtù

  • 2002, 20 dicembre - S.S. Giovanni Paolo II, promulga il decreto di Beatificazione del nostro Fondatore, Don Giacomo Alberione.

  • 2003, 27 aprile - S.S. Giovanni Paolo II, dichiara Beato il nostro Fondatore, Don Giacomo Alberione.

Questa sua grande opera era già stata prefigurata nel lontano 1918 quando Don Alberione, parlando ad un piccolo gruppo dei suoi primi giovani, ispirato dallo Spirito diceva loro: "Alzate gli occhi, mirate in alto un grande albero di cui non si vede la cima: questa è la nostra Casa, che è davvero un "alberone"; voi non siete che alle radici. La Casa attuale, infatti, è soltanto la radice di questo grandissimo albero. Voi siete ai piedi di una grande montagna, salite su, mirate l'orizzonte, è tutto il mondo". Oggi i Paolini e le Paoline, sparsi in tutto il mondo, ringraziano il Signore per avere dato alla sua Chiesa questo apostolo instancabile.

Mission della Società San Paolo
L'obiettivo della missione è di mettere in contatto la totalità del Cristo (riassunta nel titolo "Cristo Maestro Via, Verità e Vita") con tutte le facoltà della persona (mente, cuore e volontà) mediante la comunicazione che si realizza con i mezzi moderni. La metodologia usata include la proposta di tutta l'esperienza cristiana (dogma, morale e culto) e la presentazione di tutte le realtà umane in prospettiva cristiana.

Lo sviluppo storico della missione paolina segue l'evoluzione della comunicazione. Inizialmente don Alberione ha adottato la stampa; in seguito egli associa alla stampa anche il cinema, la radio, la televisione e i dischi. Attualmente i Paolini, impegnati nell'evangelizzazione con i mass media, si preparano ad incarnare il Cristo Maestro Via, Verità e Vita nella "cultura" creata dalla comunicazione.

Seguendo le indicazioni di Don Alberione di "protendersi sempre in avanti", i Paolini vogliono essere nella Chiesa del 2000 tra i pionieri di una spiritualità evangelica integrale che sa inculturarsi nella comunicazione globale e multimediale. Per Don Alberione e per i Paolini la comunicazione, infatti, nell'opera di evangelizzazione non è un semplice aiuto ma una forma originale di autentica predicazione che raggiunge le masse lontane dalla parrocchia.

Il marchio che caratterizza tutti i prodotti e le attività dei Paolini rappresenta efficacemente la dinamica della loro presenza.

Famiglia Paolina
Dal 1914 al 1959 Don Giacomo Alberione fonda un insieme di istituzioni raggruppate nella denominazione unitaria "Famiglia Paolina". Ne fanno parte cinque Congregazioni religiose (Società San Paolo, Figlie di San Paolo, Pie Discepole del Divin Maestro, Suore di Gesù Buon Pastore, Suore di Maria Regina degli Apostoli), quattro Istituti secolari (Gesù Sacerdote, San Gabriele Arcangelo, Maria Santissima Annunziata, Santa Famiglia) e un'Associazione di laici (Cooperatori Paolini).

Nel 1960 Don Alberione, considerando ultimato il difficile periodo fondazionale delle varie istituzioni, traccia la missione della Famiglia Paolina:
"Dev'essere uno lo spirito, quello contenuto nel cuore di San Paolo, 'Cor Pauli, cor Christi'; sono uguali le devozioni; e i vari fini convergono in un fine comune e generale: dare Gesù Cristo al mondo in modo completo, come Egli si è definito: 'Io sono la Via, la Verità e la Vita'".

I primi modelli di vita paolina
Procede spedito il riconoscimento da parte della Chiesa della santità di Don Giacomo Alberione: il 25 giugno 1996 si è concluso il processo canonico ed è stato firmato il Decreto di Venerabile, con il quale si stabilisce l'eroicità delle sue virtù.

Ma anche tra i figli e le figlie di Don Alberione ve ne sono alcuni che stanno raggiungendo il riconoscimento pubblico della santità. Il merito di Don Alberione non è solo il fatto di aver offerto alla Chiesa nuovi mezzi che danno vigore ed ampiezza all'evangelizzazione, ma anche di avere contribuito a formare uomini e donne che usando i mezzi della comunicazione sociDon Giuseppe Timoteo Giaccardoale, possono raggiungere il più alto grado di santità.

Storicamente, la strada verso la santità dei figli e figlie di don Alberione è stata aperta dal primo sacerdote e primo vicario generale della Società San Paolo, don Giuseppe Timoteo Giaccardo, che Don Alberione stesso aveva definito: "fedelissimo tra i fedeli". Il 22 ottobre 1989 don Giaccardo (1896-1948) viene proclamato Beato da Giovanni Paolo II.    Maestra Tecla Merlo

   

Ugualmente rilevante è la figura di una donna che ha operato in perfetta sintonia con Don Alberione: la Venerabile Suor Tecla Merlo (1894-1964), prima superiora generale delle Figlie di San Paolo, modello della donna che crede fermamente nell'efficacia delle nuove forme di apostolato.    Canonico Francesco Chiesa

   

Tra questi grandi testimoni non poteva, poi, mancare il direttore spirituale di Don Alberione e padrino della Famiglia Paolina, il Venerabile Canonico Francesco Chiesa (1874-1946), modello per ogni consigliere spirituale.    Maggiorino Vigolungo

  

Un frutto particolare del metodo educativo di Don Alberione, che entusiasmava persino i ragazzi all'apostolato,è il Venerabile Maggiorino Vigolungo (1904-1918), modello per tutti i giovani che aspirano all'apostolato paolino.     Fratel Andrea Borello

  

Altro esempio di vita donata ai fratelli è quello del Venerabile Fratel Andrea Borello (1916-1948), modello per tutti coloro che consacrano la loro vita
all'apostolato della comunicazione sociale come Discepoli del Divin Maestro.    Suor Maria Scolastica Rivata

   

Vi è poi lo splendido esempio della Serva di Dio Suor Maria Scolastica Rivata (1897-1987), prima Pia Discepola del Divin Maestro e prima Madre della Congregazione.

 

Chi volesse avere notizie sui vari processi di beatificazione può contattare il seguente indirizzo:

Postulazione Generale        
00148 Roma RM
Via della Fanella 39
Tel 06.657.488.11
Fax 06.657.488.00
E-mail: posgen@stpauls.it



Il marchio
Nel 1991 la Società San Paolo avvia lo studio per riprogettare l'identità visiva della sua missione: "evangelizzare con i moderni mezzi di comunicazione".
Il creatore Giorgetto Giugiaro ha ideato e concretizzato il nuovo marchio San Paolo.
Dall'indagine test sul marchio presso il pubblico è emerso:

  • apprezzamento per la sua bellezza formale ed estetica

  • leggendolo in termini di associazioni libere è stato identificato come caratterizzato dall'accostamento di due elementi diversi e da un grande dinamismo

  • i principali valori associati al marchio sono stati: precisione, energia, tensione, apertura, dinamismo, creatività, spiritualità, infinito

  • i prodotti suggeriti per abbinarsi al marchio sono stati: prodotti culturali, di opinione pubblica, di creazione spirituale.

Per sua natura il segno che esprime la sintesi visiva della missione di una società non è l'equivalente di un ragionamento logico o di un'affermazione verbale. Il marchio San Paolo non contraddice, anzi può suggerire sia la missione di mettere in contatto la Parola di Dio e il flusso della storia sia il ricco dinamismo apostolico di San Paolo.



Il marchio nel mondo

ITALIA
Editoriale San Paolo
Periodici San Paolo
Multimedia San Paolo
Diffusione San Paolo


ARGENTINA

COLOMBIA

ESPAÑA

PANAMÁ

VENEZUELA

CHILE

ECUADOR

MÉXICO

PERÚ


POLSKA  

AUSTRALIA

IRELAND

KOREA

PHILIPPINES

INDIA

JAPAN

NIGERIA

UNITED KINGDOM

UNITED STATES


BRASIL PORTUGAL

CANADA

RÉPUBLIQUE 
DÉMOCRATIQUE 
DU CONGO

FRANCE

DEUTSCHLAND

    

 

 


Società San Paolo Cod. fisc.: 00434810586 - P. Iva: 00891531006
Updated 11/09/09 -  Webmasters: Società Apostolato San Paolo
© 
S.A.S.P. S.r.l., Via A. Severo 56 - Rome - Italy
Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 02296520048
Capitale sociale € 1.523.023,00 i.v.