Sommario.
Disegna e colora
Pasqualo Puzzle

 

Conoscere insieme.
   
  


SENZA PAROLE, MA CON TANTA IRONIA

Intervista con Athos Careghi, il "papà" di Fra Tino,
che appare sul Giornalino dal 1982.


Athos, quali sono le caratteristiche dei tuoi disegni umoristici e che tipo di evoluzione è avvenuta sino a oggi?

La caratteristica più evidente è che le mie vignette sono senza parole. Nel tempo, da "duro" e spigoloso, il mio umorismo è sfociato nel dolce Fra Tino, il fraticello tenero, candido ed ecologico con la testa sempre tra le nuvole.

Athos Careghi.


Ci parli un po’ di lui?

Fra Tino nasce sul Giornalino n. 48 del 1982, prima come striscia, per diventare poi pagina fissa tutte le settimane nel 1994. Fra Tino vive in un antico convento, in compagnia di altri fraticelli: Fra Tacchione, Fra Poco, Fra Tanto, Fra Capoccia e altri.

Dove nascono le tue storie?

Direi ovunque c’è natura e dove si possono osservare gli animali. Ecco perché Fra Tino vive quasi in simbiosi con la sua simpatica papera gialla, che lo segue da sempre.

Una delle prime strisce disegnate da Athos.


Che messaggio cerchi di comunicare con le tue tavole?

Sicuramente la voglia di serenità, candore e allegria.

Sappiamo che sei manager di un importante ospedale di Milano. Come concili questo lavoro con quello di fumettista?

Fare il capo del personale è un lavoro complesso ma ricco di soddisfazioni, e anche qui servono fantasia e creatività, e proprio da certe situazioni traggo molti spunti per le mie tavole a fumetti.

Fra Tino ogni tanto litiga con il suo superiore Fra Capoccia, si scambiano qualche scherzo più o meno pesante. Tu con i tuoi superiori hai mai avuto problemi?

Molti e di vario genere. I problemi più grossi li ho soprattutto con certi personaggi muniti di tessere politiche, che per questo si credono più intelligenti di tutti.

E in questi casi come reagirebbe Fra Tino?

Con tanta ironia, restando gioioso e candido, ma sempre monello.

Una copertina dedicata a Fra Tino apparsa sul Giornalino n.45 del 2004.

 

   
NON SOLO FRA TINO

Atos Careghi (Athos) nasce Correggio in provincia di Reggio Emilia nel 1939. Si trasferisce a Milano dopo aver trascorso alcuni anni in Olanda e in Belgio. È laureato in economia e commercio. Fa parte di quella selezionata schiera di disegnatori ospitata, negli anni Sessanta, nel Delatore, una pubblicazione forse troppo in anticipo sui tempi, che diventerà una ghiotta rarità bibliografica. Pubblica disegni su: Help, Bertoldo, Candido, King Kong, La Settimana Enigmistica, Gialli e Neri mondadoriani, Il Mago, Urania, Segretissimo, Intrepido e Monello, Famiglia TV, Satyricon (inserto del quotidiano La Repubblica), La Gazzetta dello Sport, Guerin Sportivo e, naturalmente, Humor Graphic.

Strisce disegnate da Athos contro la guerra.

Oltre a produrre vignette umoristiche "generaliste" è anche autore di vignette antimilitariste (Soldati, Signornò e Pacifico) e sul mondo amministrativo (I burocrati), e di strisce (Mc Lader, Dada, Fiorello).
A partire dagli anni ’80 pubblica sul Giornalino la sua striscia più nota, Fra Tino, un candido fraticello ricco di trovate fantasiose. La striscia viene pubblicata settimanalmente e dal 1994 diventa pagina. Le Edizioni San Paolo ne hanno pubblicato anche una raccolta, intitolata I Fioretti di Fra Tino. Dal gennaio 2003 Athos è "papà" di un altro personaggio, Tommaso, che appare tutti i mesi su GBaby, pubblicazione della Periodici San Paolo per bambini dai 3 ai 6 anni.

Mc Lader, ladro patetico e surreale.

Caro Zio Giò
Qui parliamo noi
All'oratorio
L'inviato speciale
Sport
Sport: domande e risposte
Spettacolo
Chiedilo a Billa
Andiamo al cinema
Raffa per te
Fumetto
Giochi


 
Scelti per voi 



Ago e filo:
Guarda e cuci
Vita in un castello:
Vivere nel castello
Come funziona:
Come diavolo funziona
la tecnologia?
Emozioni colorate:
Sentimenti a colori
Per fare il mago:
52 giochi di prestigio
per bambini


Ecard.


Abbonati on line!
 
Il Giornalino n. 13 del 1-4-2006
©2003 Copyrights - Periodici San Paolo s.r.l.