Gazzetta d'Alba online Logo San Paolo
 

 
Gazzetta d'Alba, n. 16 del 18 aprile 2006

n. 16 del 18-4-2006
Questa settimana
scelti per voi...

Il 2005? Un anno più sicuro
di ROBERTO BUFFA

Domenica tutti alla "Doi pass"!
di SEVERINO MARCATO

Auguri

Alba: 73 modi di fare sport 
Calcio e ciclismo i più diffusi

di CORRADO OLOCCO

A Bra 42 società: i successi maggiori nell’hockey prato
di GIANLUCA ODDENINO

Registro Coni, questo sconosciuto: 
solo 20 sodalizi iscritti nelle due città

di GIULIO SEGINO

I 650 mila euro non ci sono...
di VALERIA PELLE

Uniti contro la flavescenza
di ALESSANDRO CASSINELLI

Alba viaggia a metano
di MARIA GRAZIA OLIVERO

Oggi, senza un impianto di erogazione,
è difficile cambiare. Le considerazioni
di un automobilista

di G.S.

 Alla fattoria degli animali 
fiocco azzurro per Rex

di M.G.O.

Da 152 nazioni a Terra Madre
di DIEGO LANZARDO

Zecche e colombi "ospiti" al Govone
e al Gallizio

di D.B.

L’Abet ricorre al Tar
di DIEGO LANZARDO

 Il Comune abbassa il volume in paese
di GIORGIO BABBIOTTI

 Enoteca Piemonte, ultimo atto
di ROBERTO BUFFA

 Profondamente innamorato di Bra
e del Roero

di RAOUL MOLINARI

 Nei mitici anni Settanta il teatro albese
era Lut

di EDOARDO BORRA

 Al centro dell’enoturismo
di V.P.

 Tutti gli eventi giorno per giorno

 Alla ricerca di piazza...
di V.P.

 Luci puntate sull’Enologica
di ALESSIA BARILE

 Quando noi si comprava a...
di DIEGO LANZARDO

 Bottiglie e vignaioli più sicuri

 


 


Alba: 73 modi di fare sport
Calcio e ciclismo i più diffusi

di CORRADO OLOCCO
 

 

Il panorama delle società sportive albesi è assai variegato, oltre che numericamente molto consistente. Da una ricerca effettuata da Gazzetta confrontando i dati dell’Ufficio sport del Comune (che però possiede solo l’elenco dei sodalizi che usufruiscono delle palestre e un elenco di sodalizi ciclistici coinvolti nell’organizzazione di eventi come le tappe del Giro d’Italia), quelli dei campionati Csi e Uisp, quelli del Coni provinciale e quelli, più empiricamente, che emergono dalle cronache sportive di questo giornale, risultano attive ad Alba 73 società, numero che include anche alcune associazioni con sede fuori città, ma che svolgono attività nella capitale delle Langhe. Il numero è presumibilmente molto attendibile, ma ci scusiamo in anticipo se qualche società ci è sfuggita.

Il quadro vede, oltre a sodalizi impegnati negli sport di maggior notorietà e diffusione nazionale (calcio, basket, volley, ciclismo, atletica), anche la presenza di discipline in qualche modo storiche per la nostra terra (la pallapugno). A farla da padrone è, com’era prevedibile, il calcio, al quale, tra Figc, Csi e Uisp (compreso il calcio a 5), si dedicano ben 12 società: Albese (il più antico sodalizio cittadino, fondato nel 1917), Albanova, Centro storico, Divin Maestro, Gs Europa, Gs Koala, Gs Piave, Gs San Cassiano, Gs Santa Margherita, Stella Maris, Gsr Ferrero, Moretta. Alcune di queste sono polisportive che si dedicano anche ad altre discipline.

Il secondo sport in questa speciale... classifica è il ciclismo, al quale si dedicano a vari livelli (amatoriale, giovanile e mountain bike) undici sodalizi: Gs Cicloamatori, Colline di Bacco, Gs San Cassiano, Tenuta Carretta, Area 231, Gagliardini, Gruppo Moser, Arredamenti Berutti, Cicli Destefanis, Alba bike team e Alba ciclismo team Tata. Ricordiamo, a questo proposito, la lunghissima tradizione albese nel campo del pedale, con la prima società della provincia, il Veloce club Albese, nato ad Alba nel 1889, e gli eccellenti risultati ottenuti a livello dilettantistico negli anni ’60 della Cento torri.

La squadra del Tc Alba, che disputerà il campionato di A1 maschile.
La squadra del Tc Alba, che disputerà il campionato di A1 maschile.

Otto le società che si dedicano alla pallavolo, dalla Sant’Orsola di B1 che rappresenta il vertice dell’attività, agli altri sodalizi: Albauno, Centro storico, l’Alba volley, Pallavolo Alba (l’unica a svolgere attività maschile), Gs San Cassiano, Gs Santa Margherita e Pgs Victoria.

Restando tra gli sport di palestra, operano in città due società di basket: il glorioso Olimpo (che nel 2008 festeggerà il mezzo secolo di vita) e la Cestistica albese. La regina delle discipline sportive, ossia l’atletica, vede in primo piano l’Atletica Alba Mondo, alla quale è legata l’Alba triathlon, mentre nel podismo da anni tengono alto il nome di Alba anche Gsr Ferrero e Gpa Mokafè. Nella pallapugno operano due società: la prestigiosa Pallonistica Albese (che disputa la A al glorioso Mermet, il più antico impianto cittadino e uno dei più antichi d’Italia: nel 2007 compirà 150 anni) e il Gs La pantalera, che svolge attività a Mussotto.

Lo sferisterio Mermet, il più antico impianto sportivo cittadino.
Lo sferisterio Mermet, il più antico impianto sportivo cittadino.

La massima espressione sportiva albese (categorie alla mano) è costituita dal Tennis club Alba, che quest’anno giocherà in A1 maschile, ma allo sport della racchetta si dedicano anche Gsr Ferrero e Sporting club albese, mentre il nuoto è affidato al Csr, che gestisce la piscina coperta di San Cassiano, e l’Albanuoto, attiva nell’impianto indoor di viale Vico.

Molto varia è la galassia delle arti marziali, con undici società, dal Judo club Alba (la più titolata e... anziana, presente ad Alba da 35 anni) al Judo Grinzane, per passare poi a Aiki shiatsu, Arti marziali power fighting (con sede a San Damiano), New fighters, Nisshinkan, Shinken, Taij quan, Jeet kune do, Kick boxing center 2000 e due sodalizi che praticano yoga, uno dei quali con sede a Fossano.

Daniele Galliano, della Mondo.
Daniele Galliano, della Mondo (foto Marcato).

Anche la pesca sportiva conta numeri importanti dal punto di vista societario, con sei sodalizi che vi si dedicano: Pescasportivi albesi, Spsd Albatros fishing, Gs pesca al colpo Le Langhe, Spsd Albesi, Spsd Alba In, Società albesi e i 4 gatti. Inoltre, in città (o meglio, alla periferia), sono attivi due circoli ippici (Santa Rosalia e Cascina La mora), due società di ginnastica ritmica (Società ginnastica Alba, fondata nel 1974, e Pgs Victoria), due che si dedicano all’alpinismo (Cai e Gruppo montagna), due di motociclismo (Moto club Alba e Moto club 100 torri), un sodalizio rallystico (il Cinzano rally team, che organizza il Rally di Alba), uno di tiro a volo, uno di sci e snow board (lo Snowbuzz, fondato un paio d’anni fa), uno di tennis tavolo (il Gs Koala), una Bocciofila, un sodalizio che si dedica al pattinaggio a rotelle (Victoria pattinaggio) e un Golf club, oltre al circolo Arci Uisp Il sogno. Ad Alba è anche presente da qualche mese il rugby, con una... succursale dell’Asti rugby, che svolge attività negli impianti del centro storico e ha in previsione iniziative promozionali con le scuole.

Completiamo questa (speriamo esauriente) panoramica con due sodalizi che svolgono attività sportive particolarmente meritorie, anche se spesso lontano dai riflettori: Sportabili, che da poco più di un anno sta avvicinando i disabili al mondo dello sport (soprattutto con sci e nuoto) e la cooperativa Il pianeta, che si rivolge principalmente all’attività ginnica per la terza età.

Corrado Olocco


      

  
A Bra 42 società: i successi
maggiori nell’hockey prato

di GIANLUCA ODDENINO
  

È ricco e variegato il panorama delle società sportive braidesi, con calcio e ciclismo a giocarsi il predominio e con la particolarità storica dell’hockey su prato, disciplina che ha saputo regalare tante gioie tricolori a Bra. Sotto la Zizzola convivono le numerose società legate al Coni e l’attività parallela della Uisp braidese, che da anni organizza campionati di calcio a 11 e a 7, tornei di pallavolo, gare e corsi di nuoto e il tradizionale Giocagin, che, unito allo Sport in piazza del Coni, permette a tutte le società sportive braidesi di farsi conoscere.

Il conto totale delle società sportive a Bra tocca quota 42, ricordando però che la Sport-gente è una polisportiva con più squadre di calcio e pallavolo che giocano campionati federali, Uisp e anche Csi (col Comitato zonale di Alba).

La prima squadra della Lorenzoni, plurititolata formazione di hockey su prato, sport che nella città della Zizzola ha una gloriosa tradizione.
La prima squadra della Lorenzoni, plurititolata formazione di hockey su prato,
sport che nella città della Zizzola ha una gloriosa tradizione.

Nell’hockey su prato l’attività vive su un coordinamento unico tra femminile, maschile, prime squadre e giovanili con ben 6 società iscritte al Coni. A livello maschile l’Olimpic hockey club e la Leonidas si occupano di under 12 e under 14, mentre l’Hc Bra è la punta di diamante in serie A e la Benevenuta (tricolore nel 1975) disputa il campionato di B. A livello femminile l’Hockey femminile braidese cresce l’under 12 e la Lorenzoni cura il resto del vivaio e la prima squadra, capace di vincere ben 12 scudetti su prato e 11 indoor.

Discorso meno spezzettato per il calcio, dove troviamo la più antica società sportiva di Bra: l’Ac Bra, data di nascita 1913. Nel tempo i giallorossi hanno visto la crescita di altre società calcistiche come Sport-gente, Rosselli 2000 Auxilium, As Bandito, Us Pollenzo, Old Bra per il calcio a 5 e Bra Team ’98 nella Uisp. Nel ciclismo sono attive ben 8 società tra strada, giovanili, amatori e mtb: Gs Rolfo, Ac Bra, Velo club Chiesa, Gs Atlante, Gs Città di Bra, As Bandito, Società Randonneurs Italia e Tecnobike.

Per i classici sport da palestra, vige la par condicio con due società a testa per basket e volley. Nella pallacanestro il riferimento storico è l’Abet basket, attiva dal 1971 e con un imponente settore giovanile maschile dove è cresciuto anche Alessandro Abbio, affiancato dal Brabasket che vanta una squadra femminile in serie B.

Un giovane hockeysta braidese in azione.
Un giovane hockeysta braidese in azione.

Per la pallavolo il derby societario tra Volley Bra e Sportgente, la prima nata da una costola della polisportiva di via Ballerini, è sempre caldo: hanno importanti vivai femminili con Olicar in serie C e Sporgente in D, ma soprattutto giocano i primi al Palasport e i secondi al Palatenda. Su una cosa sono in comune: nessuna delle due società riesce a creare una squadra maschile.

A Bra ci sono tre club di tennis, Match Ball, Tc Bra e "La Perla" Pollenzo, mentre nel tennis tavolo è attiva la Libertas. Per l’atletica il punto assoluto di riferimento e di qualità è l’Avis Bra gas, mentre con la recente realizzazione della piscina coperta è sorto il Centro nuoto Bra. La città non ha neve in abbondanza, ma può contare su tre club di sci: due per lo sci alpino, Sci club Bra e Garesio, e uno storico di sci nordico,"Quelli del fondo". Non mancano certamente le arti marziali e il judo con il Centro del maestro Carnebianca, mentre nel tiro a segno Bra vanta il poligono e la società di corso Monviso, senza dimenticare il club arcieri I falchi nel tiro con l’arco.

Tra gli sport "non olimpici" troviamo due club per la pesca sportiva (La Zizzola e Pescatori sportivi Bra) e due di bocce: Sb Borgonuovo e Bra Bocciofila. La città, inoltre, ha un’importante società di twirling, una palestra di arrampicata a Pollenzo, il Club alpino italiano, quattro palestre di fitness e quattro scuole di danza. Infine, da non molto è attiva l’associazione Sportiamo, nata per avvicinare i disabili al mondo dello sport e iscritta al Comitato paralimpico italiano.

Gianluca Oddenino
   

Registro Coni, questo sconosciuto: 
solo 20 sodalizi iscritti nelle due città

Bra batte Alba per 11-9. Tante (o poche, visti i numeri del pianeta sport indicati in questa pagina) sono le società sportive iscritte al "Registro nazionale delle associazioni e società sportive dilettantistiche". Ecco l’elenco di chi ha completato l’iter di certificazione. A Bra: Hockey club Bra, Hf Lorenzoni, Tennis club Match ball, Volley Bra, Centro judo Bra, Centro Bra nuoto, Old Bra calcio a 5, Sportgente Bra, Arcieri di Bra, Ss Mediterranea, Fc Bra; ad Alba: Csr, l’Alba volley, Gs San Cassiano, Judo Grinzane, Divin Maestro, Sant’Orsola Alba srl (l’unica ad aver scelto di costituirsi in società di capitali), Alba triathlon, Gruppo podisti albesi Mokafè e Stella Maris. La scadenza per le società attive durante la stagione in corso, ma che in pochi hanno rispettato, era il 31 dicembre 2005.

Neanche un quinto delle associazioni sportive albesi e braidesi ha sinora completato l’iscrizione al registro, ma le nostre città sono perfettamente allineate con il resto del Paese. Come spiega Francesca Leone, del Comitato Coni di Cuneo, «non si tratta di una facoltà lasciata ai sodalizi ma è un preciso obbligo di legge. L’iscrizione al registo tenuto dal Coni certifica la qualità di associazione sportiva con tutti i benefìci ad essa legati».

Lo Stato riconosce particolari agevolazioni fiscali, contabili, contributivi alle associazioni e società che svolgono l’attività sportiva dilettantistica. Ma come riconoscerle? Per cercare di mettere ordine in un mondo alquanto variegato e in cui il volontariato la fa da padrone tra il 1999 e il 2004, con una serie di leggi si è ideato il registro, tenuto dal Coni raccogliendo informazioni sia dalle federazione che dalle singole società. Tale registro viene annualmente trasmesso (il 31 marzo) all’Agenzia delle entrate che ne utilizza i dati contenuti per verifiche fiscali sulle dichiarazioni delle società. «Forse poche società hanno capito la necessità e l’importanza dell’iscrizione», continua Leone. «Anche per questo come Coni continuiamo a informare – lo abbiamo fatto di recente con una serata a Fossano su temi fiscali – e invogliare all’iscrizione. L’ufficio del Comitato è a disposizione gratuitamente per accompagnare le società lungo l’iter di iscrizione che viene effettuato tutto tramite Internet». Il Coni cuneese risponde al numero telefonico 0171-66.675 o attraverso il sito Internet www.coni.cnnet.it su cui è consultabile un’apposita guida per la registrazione.

Poche società si sono iscritte ma ne capiranno la necessità quando il fisco comunicherà loro di non riconoscere le agevolazioni riservate allo sport dilettantistico e quando Regioni, Province e Comuni negheranno contributi in assenza della registrazione Coni.

Giulio Segino