Periodici San Paolo - Home Page  
 

Dietro il caso Lombardini e i sequestri in Sardegna (1)

CHI HA PAURA DEI GIUDICI ?

di DELIA PARRINELLO e LUCIANO SCALETTARI
    

   Famiglia Cristiana n.34 del 30-8-1998 - Home Page La ricostruzione dell’interrogatorio del giudice Luigi Lombardini, culminato nel suo tragico gesto. L’indagine del pool di Palermo permette di gettare un primo sguardo sui retroscena, le ombre e i sospetti in cui si muovono i protagonisti del più squallido tra i crimini, tra minacce, intercettazioni, fondi neri e ambigue mediazioni.

Arrivano in cinque, seguiti da un nugolo di poliziotti. Sono magistrati in missione da Palermo a Cagliari per interrogare un altro magistrato che alla fine di quell’interrogatorio si sparerà un colpo di pistola. Giancarlo Caselli, il procuratore che guida la missione, non sa che quel suicidio diventerà «l’accusa più ingiusta» della carriera. Antonio Ingroia, uno dei "ragazzi" di Paolo Borsellino e pm di Andreotti, non sa che sta per arrivare «il momento più drammatico della carriera». Per Lia Sava e Giovanni Di Leo, giovani sostituti, sarà il battesimo con i veleni di Palermo. Il procuratore aggiunto Vittorio Aliquò arriva a Cagliari per il dovere d’ufficio di due interrogatori contestuali: quello del procuratore della Repubblica presso la pretura, Luigi Lombardini, indagato per avere, «sotto mentite spoglie di avvocato civilista, trattato e minacciato» fra i rapitori di Silvia Melis e suo padre Tito. E l’interrogatorio dell’avvocato della famiglia Melis, Antonio Garau.

Cosa non sa Luigi Lombardini? Tutto ciò che i magistrati di Palermo gli chiederanno di spiegare in quattro ore e mezzo di interrogatorio registrato: il pool di Caselli arriva con relazioni di servizio, intercettazioni telefoniche, diari e dichiarazioni dello stesso Melis che indica in Lombardini l’avvocato civilista intermediario fra la famiglia e i banditi.

Procura di Cagliari, martedì 11 agosto, ore 10. Entrano i magistrati di Palermo e li accoglie il procuratore Carlo Piana. Lombardini è pronto ma c’è un imprevisto: il suo difensore Luigi Concas difende anche Garau, «c’è un problema di incompatibilità», dice Caselli a Concas. L’avvocato obietta, chiede una sospensione, si apparta con Lombardini, poi torna e comunica: «Rinuncio a difendere Garau». L’avvocato dei Melis viene sentito in un’altra stanza dai sostituti Sava e Di Leo (si avvarrà della facoltà di non rispondere). Caselli, Aliquò e Ingroia chiamano Lombardini nell’ufficio del sostituto Mura.

Rispondeva di no a tutte le domande

Entra «impenetrabile e distaccato», si siede davanti ad Aliquò e Ingroia che stanno alla scrivania. Caselli cammina avanti e indietro. Parla Aliquò, legge le dichiarazioni di Melis che racconta di aver incontrato Lombardini nei pressi dell’aeroporto, il suo invito a pagare i rapitori, il suo volto coperto, il tono minaccioso. Lombardini nega. «Ma c’è la testimonianza dell’avvocato Antonio Piras: anche lui, il custode del miliardo, giura di averla incontrata la sera dell’8 ottobre». «Non conosco Piras». «Dottor Lombardini, c’è la relazione di servizio del maresciallo dei carabinieri Francesco Testoni che conferma le dichiarazioni di Melis: vi siete incontrati all’aeroporto». «Il maresciallo Testoni è una persona inaffidabile».

I giudici tornano alla carica, leggono dall’agenda dell’avvocato Garau: «C’è scritto che un sedicente avvocato civilista si è incontrato con Melis all’aeroporto, era lei? C’era anche una ragazza?». «Tito Melis non dice la verità e avvocati civilisti a Cagliari ce ne sono tanti. Non mi sono mai incontrato con Melis e quindi non c’era nessuna ragazza». E l’agenda di Garau? «Non l’ho scritta io, e dunque chiedete a Garau chi era quella persona».

Ma come giustifica tutto questo, che spiegazione ci offre, come si difende? «Qualcosa è stato costruito contro di me per i miei contrasti interni al mondo giudiziario sardo». Un complotto ordito dai colleghi della Procura di Cagliari. Lombardini non perde la calma, resta freddo e distaccato, sempre di poche parole. L’80 per cento di quanto detto in 4 ore e mezzo di interrogatorio è stato pronunciato dai magistrati di Palermo. Rivolgendosi al più giovane di loro, Lombardini è paterno, «so bene che è la prassi, faccia pure». Gli chiedono se vuole pranzare. «Preferisco andare al bar con l’avvocato Concas».

L’interrogatorio riprende alle 15, va avanti ancora per un’ora, alle 16 parla Caselli: «Dottor Lombardini, le abbiamo esposto tutto ciò che è in nostro possesso e che la riguarda, se ha qualcosa da aggiungere la dica».

Silenzio per qualche secondo, Lombardini sembra incerto, chiede un’altra sospensione per parlare con l’avvocato Concas. Restano nella stessa stanza, si appartano in un angolo, poi Lombardini torna al suo posto: «Non ho altro da dire, ma mi riservo di presentare una memoria».

«Dottor Lombardini, lei usa agende, o prende appunti al computer?». «No, non uso agende e non uso il computer per questo tipo di argomenti». «Ma qualunque magistrato ha un’agenda, anche per tenere gli appuntamenti». «Non io». L’interrogatorio si conclude e Ingroia stacca il registratore, sono le 16.40.

Una lunga verbalizzazione, Caselli al computer. Lombardini chiede di andare in bagno e si allontana per dieci minuti. Non c’è anima viva nei corridoi, il silenzio è totale, fuori cronisti e fotografi. C’è il rito della lettura e firma del verbale, poi i magistrati di Palermo, che hanno già deciso di perquisire lo studio di Lombardini per ottenere «non spontaneamente» agende e appunti, chiedono al procuratore e al suo avvocato: «Potete attendere ancora un quarto d’ora?».

Luigi Lombardini aspetta in corridoio e si abbandona su una poltrona, la testa sullo schienale. In questa posizione un teleobiettivo lo fotografa per l’ultima volta. Lo richiamano, «si può accomodare», e gli consegnano il provvedimento di perquisizione.

Non gli tremano le mani, fino all’ultimo è impassibile, dice: «D’accordo» e cerca l’avvocato. Concas non c’è. Chiede di telefonare, cerca qualcuno allo studio dell’avvocato. «Stanno arrivando», dice. Il dramma del procuratore si decide qui, in questi ultimi minuti, pensieri tumultuosi e silenzio, facciata gelida e disperazione. Un gioco delle parti senza parole e senza capire. Quando arriva il figlio dell’avvocato Concas, c’è l’ultima richiesta a Lombardini: «Ci accompagni nel suo studio», e l’ultima sua parola: «D’accordo».

Apre l’ufficio, «con un balzo va verso una seconda porta, si chiude dentro e si spara». «Interrogatorio regolare», dichiara il ministro della Giustizia Flick. E manda gli ispettori a Cagliari, «all’interno della Procura dove qualcosa», diceva Lombardini, «è stato costruito contro di me».

Delia Parrinello

Segue: La polizza antisequestri e la loggia dei mediatori

   Famiglia Cristiana n.34 del 30-8-1998 - Home Page