Famiglia Cristiana OnLine

Sommario.

 

 
Attualità.
di Elisa Chiari


INIZIATIVE
DALLA RADIO ALLA TV, DALL'EPIGRAFIA ALL'SMS, UMBERTO BROCCOLI SI RACCONTA


CON PAROLE SUE

Italiano, che passione... «Nella lingua c’è spazio per tutto: contraddizioni, abbreviazioni, provocazioni, ma davanti al gergo di certe categorie professionali potrei uccidere».

Carmina non dant panem, dicevano i latini. Nec salamen, aggiungono beffardi gli studenti. Le poesie non danno pane, salame men che meno. Valeva al tempo dei latini e vale ancora per i più, ma, restando in tema di detti popolari, ogni regola che si rispetti ha un’eccezione. La nostra si chiama Umberto Broccoli, tra i pochi capaci di addomesticare le parole fino a ricavarci non uno ma molti mestieri (e qualche conseguente salamino).

  • Oggi Con parole mie su Radiouno (dal lunedì al venerdì alle 14.05), quando capita in teatro, l’altro ieri in Tv, qualche annetto fa all’università. Professor Broccoli, lo ammetta, lei sulle parole campa da una vita...

«Sì, hanno uno spazio primario nella mia giornata, anche se noi ormai viviamo di immagini. Però quando si dice: "Sia santificato il Tuo nome", si dice il "tuo" nome, non la tua faccia. La parola è centrale».

  • La radio è un modo di contrastare il predominio dell’immagine?

«No, è creare immagine con le parole, far sentire un profumo per radio».

  • Il podcasting, che permette di scaricare da Internet le trasmissioni radio, "congela" le parole dette. Le fa impressione?

«No, la radio è un mezzo modernissimo: si è integrata subito con Internet, cosa che la tv non è riuscita a fare. Verba volant, scripta manent per gli antichi voleva dire: le parole volano e arrivano ovunque. Gli scritti rimangono e si impolverano. Quanto a me, ho cominciato a scrivere con il computer, quando ancora pochi lo facevano, ma poi mi sono fermato lì. Per me il podcasting potrebbe essere un budino».

  • Appunto un gioco di parole: pudding (budino)/podcasting. A proposito di parole. Ricorda il suo primo vocabolario?

«Era un vecchio Zingarelli, un magazzino di parole nel quale sfogavo la curiosità di incontrare parole astruse, magari anche "proibite". Erano i primi anni Sessanta, quando il vocabolario già si stava restringendo. Lo dico non da tradizionalista, concordo con Petronio: la lingua italiana è come un fiume, c’è la barca, il tronco, l’escremento. L’evoluzione è naturale».

  • Scusi, sta dicendo che "leggeva" il vocabolario?

«Sì, per pura curiosità».

  • Dove l’ha trovato la prima volta?

«Nella biblioteca di mio padre, Bruno Broccoli, l’autore di Canzonissima e di Studio Uno, un’altra vita di parole scritte, dette, umoristiche. Un destino, tanto che considero le mie lauree, l’archeologia, l’insegnamento universitario (ma quest’anno dopo 30 anni mi hanno richiamato) una bellissima parentesi».

  • Gadda diceva: in una lingua non esistono il troppo e il vano. Condivide?

«Non possediamo la verità nelle scienze esatte, figurarsi nelle scienze umane: la lingua va accettata anche nelle contraddizioni. E poi io sono quello che faceva parlare in endecasillabi Cloris, la zingara della Tv».

  • Ci sono parole che non le piacciono?

«Non mi piace il turpiloquio, anche se non sono un’educanda. Nel 1972 sono stato nazionale di pallavolo, frequentavo lo spogliatoio. Ho ascoltato cose che avvicinavano al divino in maniera abbastanza problematica. Detesto le parolacce, come intercalare. Non sopporto le bestemmie. E mi sono antipatici quasi altrettanto tutti gli anglismi in blocco. Sul brainstorming potrei commettere un omicidio».

  • Allora si tenga alla larga dai consulenti, pena l’ergastolo.

«È una moda, inutile. L’inglese usato quando esiste l’equivalente italiano rivela assenza di pensiero».

  • E l’università istituisce corsi di italiano, contro le tesi di laurea scritte come sms. Che ne pensa?

«Mi impressiona. Prima di pormi il problema della seconda lingua nella scuola, penserei alla prima».

  • Provocazione: anche l’epigrafia che lei insegnava all’università era piena di abbreviazioni...

«L’sms è il nuovo geroglifico. Se "sai ke ti amo" convivesse con la conoscenza della lingua italiana non ci sarebbe alcun problema. In epigrafia sciogliere le abbreviazioni era anche un gioco divertente come le parole crociate».

  • Com’è nato il titolo Con parole mie?

«Dalla centralità alla parola. Volevo vedere fatti e persone del quotidiano di ieri per spiegare il quotidiano di oggi: con parole mie citando altri: da Ovidio a Thomas Mann».

  • Tra le parole della sua vita, scelga due esperienze cui è legato.

«Due libri: Archeologia e Medioevo, scritto nel 1986, con un’ironia tagliente contro il sistema: il mio suicidio accademico. E poi Voce del verso amare, pubblicato nel 2003 con Patrizia Cavalieri: liriche del mondo classico abbinate ai testi dei cantautori».

  • A proposito di cantautori: Vecchioni ha scritto un libro intitolato Le parole non le portano le cicogne. Chi le porta?

«Una volta imparate sono dentro di noi. Neruda, in Confesso che ho vissuto, ringraziando i conquistatori per avergli dato la lingua spagnola, trova per questo dieci righe stupende».

Elisa Chiari
   
   

SEMPLICEMENTE, "INDISPENSABILI"

A partire dalla prossima settimana, prende il via una nuova grande iniziativa di Famiglia Cristianain collaborazione con Modern Languages - Gruppo Editoriale La Scuola: con solo 5 euro in più, allegati al giornale otto dizionari. Completi, aggiornati, in formato pratico (12,5 x 19,5 cm), offrono anche ricche note di grammatica e modi di dire, errori comuni, pronuncia, glossari tematici e tavole illustrate. Utili per chi studia, ma anche pratici compagni per chi viaggia e per chi lavora. Semplicemente, "indispensabili".

  • FC/37 (7 settembre) Dizionario Italiano A-L 576 pagine
  • FC/38 (14 settembre) Dizionario Italiano M-Z 496 pagine
  • FC/39 (21 settembre) Dizionario Inglese/Italiano Italiano/Inglese 512 pagine
  • FC/40 (28 settembre) Dizionario Francese/Italiano Italiano/Francese 512 pagine
  • FC/41 (5 ottobre) Dizionario Spagnolo/Italiano Italiano/Spagnolo 352 pagine
  • FC/42(12 ottobre) Dizionario Tedesco/Italiano Italiano/Tedesco 520 pagine
  • FC/43 (19 ottobre) Dizionario Sinonimi e Contrari 320 pagine
  • FC/44 (26 ottobre) Dizionario Etimologico 352 pagine

torna all'indice