Famiglia Cristiana OnLine
Ricerca Homeitalia Home International Periodici San Paolo

E tra le banche parte
la corsa all'indennizzo

 
 
Attualità.
di Giuseppe Altamore


ECONOMIA
ARGENTINA, CIRIO E ORA ANCHE PARMALAT


BOND IN POLVERE

Truffe, carte false, bilanci alterati, banche compiacenti, migliaia di risparmiatori raggirati. Come difendersi dopo l’ennesimo scandalo?

Argentina, Cirio e Parmalat. La finanza allegra di grandi gruppi italiani. Le banche e i bond truffaldini. Scandali finanziari con migliaia di risparmiatori sul lastrico. Miliardi di euro in fumo. Le procure di mezza Italia mobilitate e un centinaio di top manager e banchieri sotto inchiesta, tra cui Cesare Geronzi, presidente di Capitalia. Pesanti le ipotesi di reato: truffa, associazione per delinquere, false comunicazioni...

Un «disegno criminoso» da far paura, scrivono i magistrati, che ha incrinato il già fragile rapporto di fiducia tra banche e clienti. Può essere che alla fine qualche abile avvocato riesca a far dichiarare innocenti gli alti dirigenti delle maggiori banche italiane e i manager delle aziende coinvolte, ma lo scandalo rimane pesante.

Al di là delle vicende giudiziarie ancora aperte, le perdite sono reali: 25.000 miliardi di vecchie lire per i bond argentini, 3.000 miliardi di vecchie lire per Cirio bond e 20.000 miliardi di vecchie lire per il clamoroso buco della Parmalat.

Uno scandalo che è stato definito la Enron europea (alludendo alla bancarotta del gruppo energetico americano). I primi allarmi erano stati lanciati l’8 dicembre, alla scadenza di un prestito obbligazionario da 150 milioni di euro. Poi la crisi è divampata e una settimana dopo il cavalier Calisto Tanzi, numero uno della Parmalat, è finito sotto inchiesta.

Al suo posto è subentrato Enrico Bondi, il supermanager dell’amministrazione controllata. Che deve salvare il salvabile, mentre ogni giorno che passa si accavallano le incredibili notizie sulla voragine di carte false dei conti Parmalat, su cui indagano le procure della Repubblica di Milano e Parma. A farne le spese saranno ancora una volta migliaia di risparmiatori che hanno acquistato le obbligazioni della multinazionale dell’agroalimentare italiano?

«Il Governo prenderà in mano il caso Parmalat, intenzionato a porre un freno alla "crisi da bond" che sta scuotendo la fiducia dei risparmiatori e la reputazione dell’azienda Italia a livello internazionale. Ma gli italiani dovranno stare più attenti al loro salvadanaio e resistere alle sirene dei super-rendimenti». L’invito è arrivato dal presidente del Consiglio Berlusconi, che ha usato parole dure sul crack della multinazionale di Collecchio, ma anche sulle vicende Cirio e dei bond argentini. Le ultime scoperte del caso Parmalat, ha ammesso Berlusconi, «hanno dell’incredibile» e rendono la situazione «molto grave». Affinché questi casi «non si ripetano mai più», il Governo farà la sua parte.


(foto Chiarla).

Bufere giudiziarie in Puglia

Intanto un’altra bufera giudiziaria si è abbattuta sulla ex Banca 121, ora acquisita dal Monte Paschi di Siena, i cui dirigenti sono accusati di truffa aggravata e continuata per avere ingannato migliaia di clienti in tutta Italia vendendo loro prodotti finanziari che venivano presentati come sicuri, con nomi che richiamavano i titoli di Stato, come i buoni o i certificati del tesoro e che, invece, sicuri non erano affatto. Oltre 2.500 persone sono state truffate solo nella zona di Bari, 54 milioni di euro in titoli di Stato e conti correnti sequestrati e 23 dirigenti centrali e locali indagati. Insomma, uno scandalo tira l’altro, mentre tra i risparmiatori traditi aleggia una domanda cruciale: ci si può ancora fidare delle banche che piazzano "titoli spazzatura"?

«Che domanda imbarazzante», dice sorridendo l’avvocato Antonio Tanza, vicepresidente dell’Adusbef (associazione di consumatori impegnata nella difesa dei clienti delle banche). «Non ci sono le condizioni per fidarsi degli istituti di credito, perché godono di molti privilegi e di controlli inefficaci. Il più clamoroso dei privilegi è il diritto di non stare ai patti. Le banche, unico caso in Italia, possono cambiare un contratto unilateralmente», spiega Tanza. «Un diritto che deriva dall’ambigua interpretazione del principio costituzionale della tutela del risparmio, che conferisce agli istituti di credito un potere enorme, cosicché banche e cittadini paradossalmente non sono uguali di fronte alla legge».

A complicare ulteriormente le cose è il sistema dei controlli affidato alla Banca d’Italia che, a quanto pare, non ha funzionato. La principale accusa lanciata alla massima istituzione finanziaria pubblica è l’ambiguità del suo ruolo: controllore e controllato allo stesso tempo (vedi box). Con quale risultato?

«Migliaia di risparmiatori allettati da un esercito di promotori finanziari d’assalto assoldati dalle banche», spiega Tanza, «promotori senza adeguata preparazione, veri e propri imbonitori che hanno convinto i bot people a dirottare i loro risparmi su obbligazioni e prodotti finanziari sofisticati».

Fino all’inizio del 2001, nei bar si mescolavano le battute sul calcio e quelle sui warrant appena acquistati on line. Si scommetteva con i put (su una futura perdita o sul guadagno di un titolo) come se fosse il Lotto.

È frutto di questo clima l’acquisto dei bond argentini, fortemente sponsorizzati dalle banche che promettevano rendimenti altissimi, pur essendo a conoscenza del rischio di insolvenza del Paese latinoamericano. Ma ci sono scandali, per così dire, "minori", come quello che ha coinvolto la Bipop Carire i cui vertici hanno totalizzato 30 reati. Una vicenda poco raccontata, con 45 banchieri del gruppo indagati, mentre molti milioni di euro di risparmi sono andati in fumo. Il governatore di Bankitalia Fazio, intervenendo alla VI Commissione finanze e tesoro del Senato e della Camera dei deputati del 2 ottobre 2002, dedicava alla Bipop un apposito capitolo, in cui condannava le «irregolarità gestionali e il connesso danno all’immagine che hanno contribuito a un’ulteriore contrazione del titolo della Bipop-Carire».

Fatti e misfatti che raggiungono l’apice nell’affaire dei bond argentini e Cirio. Titoli venduti in Italia senza rating, cioè senza la certificazione dell’emittente (Stato o azienda). «Titoli che erano nel portafoglio delle banche, che se ne sono liberate in tempo utile, scaricandoli sugli ignari risparmiatori, con il beneplacito della Banca d’Italia», denuncia Tanza. Una storia incredibile che getta una luce sinistra sul nostro sistema bancario. Ora il caso Parmalat appesantisce il quadro finanziario italiano. Il gruppo, fiore all’occhiello dell’agroalimentare, aveva presentato nel 2002 un bilancio in pareggio costruito come un castello di carte false, crollato al soffio del gelido vento di questo scandalo invernale.

Giuseppe Altamore
   
  
COME RECUPERARE I PROPRI SOLDI

Ha ottenuto il sequestro di beni argentini per due milioni e mezzo di euro a favore dei risparmiatori italiani. Un caso unico al mondo di sequestro ai danni di uno Stato estero sovrano. Da tempo Angelo Castelli, avvocato di Formia, è diventato il difensore di decine di risparmiatori traditi e ormai passa il suo tempo spostandosi da un tribunale all’altro.

  • Avvocato, come ha fatto a far sequestrare i beni dell’Argentina?

«È bastato individuare delle linee di credito private presso il nostro ministero degli Esteri di cui abbiamo chiesto il sequestro. Quando sarà emessa la sentenza, cinque risparmiatori potranno riavere capitale e interessi maturati per un totale di 5 miliardi di vecchie lire».

  • E gli altri 400.000 investitori bidonati che speranza hanno di riavere i loro quattrini?

«Il mio studio sta seguendo circa 800 cause a carico dell’Argentina e delle banche italiane che hanno truffato i loro clienti. Banche che non potevano vendere i titoli Cirio e argentini perché erano nei loro portafogli. Il primo consiglio che posso dare è di rivolgersi a un legale per non perdere il diritto a riavere i propri risparmi con gli interessi».

  • Chi sono i suoi clienti?

«C’è un po’ di tutto: imprenditori e anche anziani che avevano investito tutto e ora sono rimasti solo con la pensione sociale. Gente mal consigliata o ingannata dalle banche. Persone che non avevano idea del rischio cui andavano incontro. Così è sparita una fetta consistente della ricchezza del Paese, risparmi accumulati nel corso di una vita e svaniti nel nulla».

  • Conviene sempre far causa?

«Nel caso dei titoli argentini assolutamente sì. Altrimenti si rischia di accettare tacitamente il piano di ristrutturazione del debito proposto dalla Repubblica federale d’Argentina. Un piano vergognoso: il 25 per cento del capitale in 15 o 20 anni. Alla fine i risparmiatori otterranno un misero 10 per cento».

  • Come giudica il ruolo delle banche negli ultimi scandali finanziari?

«Ambiguo. Il colmo è rappresentato dall’Associazione per la tutela degli investitori in titoli argentini, guidata da Nicola Stock. Un’iniziativa dell’Abi (Associazione bancaria italiana), che non può difendere i risparmiatori traditi dalle banche...».

g.a.

    

GLI "AZIONISTI" DI BANKITALIA

Stranamente la Banca d’Italia è una società per azioni che appartiene a banche italiane e, in misura minore, a compagnie d’assicurazione. E sorprendentemente l’elenco dei suoi azionisti è riservato. Per fortuna ci ha pensato un dossier di Ricerche & Studi di Mediobanca, diretta da Fulvio Coltorti, a scoprire quasi tutti i proprietari della Banca d’Italia. Spulciando i bilanci di banche, assicurazioni eccetera, ha annotato le quote che segnalavano una partecipazione nel capitale della Banca d’Italia. Così il ricercatore è riuscito a ricostruire gran parte dell’azionariato della nostra massima istituzione finanziaria. Come si può notare, tre banche da sole "controllano" la Banca d’Italia (da R & S, Ricerche & Studi di Mediobanca, 2003, pag. 1.149).

Tabella.


torna all'indice