Dalla parte dei lettori.
a cura di Claudio Ragaini
SOLIDARIETÀ/VOLONTARIATO

UNA SFIDA PER EXODUS
   

Un’associazione per gestire la prima iniziativa in terra africana: un centro per orfani.
  

Un centro di formazione per i ragazzi che lasciano l’orfanotrofio di Fianarantsoa, dove ci sono oltre 350 bambini. È questo il progetto che la Fondazione Exodus ha deciso di sostenere in una delle province più povere del Madagascar. Per gestire questa iniziativa è stata costituita l’associazione Ambalaki, di cui è presidente don Antonio Mazzi. «Da 12 anni», spiega il coordinatore dell’associazione Mino Spreafico, «una suora italiana, Annunziata Di Girolamo, con l’aiuto di nove religiose malgasce, dà ospitalità a bambini orfani. Ormai il centro è saturo e i ragazzi più grandi hanno davanti a sé un futuro incerto. Grazie all’impegno di alcuni benefattori è stato costruito il villaggio Ambalakilonga, che significa "il parco dei ragazzi". Ed è qui, in collaborazione anche con la diocesi locale, che Exodus dovrebbe operare, mettendo in campo le proprie competenze educative».

Già oggi il centro ospita una ventina di ragazzi seguiti da un operatore, Antoine, che sta concretizzando i primi due obiettivi: una sorta di azienda agricola per l’allevamento delle mucche e un piccolo atelier nel campo dell’elettronica. «Successivamente», conclude Spreafico, «Exodus e l’associazione Ambalaki punteranno a realizzare piccole attività di avviamento lavorativo da integrare con i centri di formazione delle missioni cattoliche presenti nella zona».

Nell’arco di un paio d’anni i ragazzi che dall’orfanotrofio si sposteranno al villaggio Ambalakilonga dovrebbero essere 60-70: i settori nei quali il centro intende operare sono quelli di base: agricoltura, edilizia, artigianato, e sartoria, soprattutto per le ragazze. In prospettiva è prevista anche un’area medico-sanitaria.

La sfida di Exodus avrà anche un risvolto italiano: la Fondazione promuoverà infatti eventi e iniziative per sensibilizzare enti, persone e istituzioni del nostro Paese verso questa prima attività di Exodus in terra africana.

Gerardo Ferrari

Per informazioni
Fondazione Exodus -
Associazione Ambalaki - Via Marotta 18 - 20134 Milano. 
Telefono 02/21.01.51; sito Internet
www.exodus.it.

   

AIUTO AL "SORRISO"

Una delle accuse che gli adulti si sentono ripetere più spesso dai giovani è la mancanza di un ascolto serio e amorevole. Per colmare questa lacuna è nato, ormai una decina di anni fa, "Il sorriso telefono giovani", una linea telefonica destinata a chiunque cerchi un aiuto o un confronto, ma soprattutto ai giovani. Ora "Il sorriso" cerca nuovi volontari, disponibili a coprire in particolare il turno pomeridiano (16-19.30) oppure anche quello serale (19.30-23). I nuovi volontari parteciperanno a un accurato corso di formazione, che si svolgerà a Milano e inizierà il 3 febbraio, prima di essere affiancati ai volontari più esperti. Per informazioni e adesioni, si può telefonare allo 02/70.10.70.70 tutti i giorni, eccetto il sabato, dalle 16 alle 23.

p.per.

  
Scrivere a: Solidarietà e volontariato_Famiglia Cristiana, 
Via Giotto 36, 20145 Milano.