Famiglia Oggi.

Logo San Paolo.
Sommario.

Numeri precedenti.        

Cerca nel sito.       

n. 10 OTTOBRE 2003

Sommario

EDITORIALE
La rilevanza di un tema collettivo
di DIREZIONE

SERVIZI
apep00010.gif (1261 byte) Siamo tutti "diversabili"
di CLAUDIO IMPRUDENTE

apep00010.gif (1261 byte) Colmare le lacune culturali
di MARIAPIA GARAVAGLIA

apep00010.gif (1261 byte) Il tutore del cuore
di GIOVANNI GELMUZZI

apep00010.gif (1261 byte) Non solo cooperazione sociale
di CARLO DE ANGELIS

apep00010.gif (1261 byte) Nè un eroe, nè un vinto
di ANDREA PANCALDI

apep00010.gif (1261 byte) Glossario della disabilità
di RENATO PIGLIACAMPO

apep00010.gif (1261 byte) Per un futuro vivibile
di GIORGIO CONCONI

apep00010.gif (1261 byte) Il trampolino di lancio per un figlio
di FRANCESCO BELLETTI

apep00010.gif (1261 byte) Storie di vita
di GIORGIO CONCONI

DOSSIER
Anche noi siamo felici
di DANIELA PALUMBO

RUBRICHE
SOCIETÀ & FAMIGLIA
Osservando gli sguardi dei passanti
di BEPPE DEL COLLE

MASS MEDIA & FAMIGLIA
La televisione del dolore
di ENRICO LOMBARDI

MATERIALI & APPUNTI
Uniti contro la sofferenza
di DANIELA PALUMBO
L'identità nasce dalla relazione
di ROSANGELA VEGETTI
Vivere con la moralità
di FRANCA PASINI

CONSULENZA GENITORIALE
Riconoscere le proprie paure
di LUISA PEROTTI

POLITICHE FAMILIARI
La mamma che torna in ufficio
di FRANCESCO BELLETTI

LA FAMIGLIA NEL MONDO
Il potere femminile in Ruanda
di ORSOLA VETRI

LIBRI & RIVISTE

 

MATERIALI & APPUNTI - ALCUNE DENOMINAZIONI DI CHI LAVORA SUL CAMPO

Uniti contro la sofferenza

di Daniela Palumbo
(giornalista)

Non vedenti, audiolesi, down, disabili motori e psichici: numerose sono le associazioni che da anni si impegnano ad aiutare e tutelare le persone in difficoltà e le loro famiglie. Ecco gli indirizzi delle più importanti.
  

Fadis
Via Matteotti 6 - 40012 Calderara di Reno (Bo) tel. e fax 0532.75.91.27; www.integrazionescolastica.it info@integrazionescolastica.it

La "Federazione associazioni docenti per l’integrazione scolastica" è nata a Bologna nel 1988. Vi aderiscono tre associazioni regionali formate da docenti di sostegno che riconoscono come loro comune obiettivo la promozione della qualità dell’integrazione scolastica e sociale degli alunni e delle alunne in situazione di handicap e di svantaggio.

Le finalità del Fadis sono: promuovere la collaborazione fra le associazioni impegnate nelle politiche dell’integrazione scolastica e sociale; promuovere la professionalità docente attraverso attività di aggiornamento e formazione; attivare iniziative di ricerca e di analisi sui problemi dell’handicap e del disagio sociale; tutelare il valore del ruolo degli insegnanti specializzati per la funzione docente di sostegno quali esperti nelle problematiche educative e didattiche nei processi di integrazione scolastica; sollecitare gli organi istituzionali preposti a legiferare in riferimento alle problematiche dell’handicap.
  

Aies
Via T. Pendola 1 - 53100 Siena; tel. e fax 0577.470.48; www.aies.it

L’"Associazione italiana educatori dei sordi" è nata nel 1980 e rappresenta la continuità storica dell’educazione dei sordi sorta in Italia alla fine del 1700 e sviluppatasi per merito di religiosi.

Le finalità dell’Aies sono: promuovere lo studio e l’approfondimento dei problemi educativi sia sul piano pedagogico e didattico sia su quello legislativo; rappresentare il pensiero e gli orientamenti pedagogici e didattici degli educatori dei sordi; promuovere e seguire iniziative atte a migliorare le condizioni scolastiche e formative dei sordi; partecipare alle attività nazionali e internazionali alle quali siano interessati i sordi, in relazione alla loro istruzione e formazione.
  

Isf
Piazza Monsignor Luigi Moneta 1 - 20090 Cesano Boscone (Mi) tel. 02.45.67.71 fax 02.45.67.72.19 www.istitutosacrafamiglia.it  isf.comunicazione@tiscalinet.it

L’"Istituto Sacra Famiglia", nato nel 1896 con sede a Cesano Boscone (Mi), è un centro di riabilitazione interregionale per disabili psichici, e di servizi socio-sanitari per anziani. Dal 1997 l’Istituto si trasforma in Fondazione.

L’Isf oggi accoglie circa 2.000 ospiti (fra bambini e anziani) suddivisi fra le sei sedi concentrate, per ora, nel Nord Italia. Si prende cura di persone con disabilità psicofisica e di persone anziane non autosufficienti fornendo servizi di assistenza e di riabilitazione all’avanguardia; ne promuove la dignità e l’integrazione sociale sostenendoli nella crescita personale e dell’autonomia.

L’ultima tappa del percorso ultracentenario dell’Istituto è il complesso residenziale denominato "Cinque stelle": questi reparti accolgono 370 ospiti e offrono loro un ambiente familiare protetto e moderne attrezzature per la riabilitazione. Nelle "Cinque stelle" cambia anche la concezione degli ospiti: i disabili e le persone anziane non sono più malati a termine da gestire fino al giorno fatale, ma persone da accompagnare in un cammino difficile con un forte bisogno di tutela e cura e, laddove è possibile, di essere stimolati con terapie specifiche mirate al recupero di abilità funzionali.

Fra Milano e provincia la Fondazione ha realizzato quattro comunità alloggio dove vivono 24 persone disabili: le comunità hanno lo scopo primario di recuperare, fin dove è possibile, in termini funzionali e sociali, le persone affette da disagio psichico e/o motorio.
  

La Lega del filo d’oro
Via Montecerno 1 60027 Osimo (An) tel. 071.72.451 fax 071.71.71.02 www.legadelfilodoro.it

La "Lega del filo d’oro", costituita nel 1964, ha come fine la riabilitazione, educazione e assistenza delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali. Dal 1998 è classificata come Onlus. Opera a livello nazionale con cinque sedi: a Osimo (An), dove c’è la sede legale e le principali attività e servizi, e poi a Roma, Milano, Napoli e Ruvo di Puglia con sedi territoriali. Ha una capacità operativa di 56 posti letto a tempo pieno, 15 a degenza diurna, e prestazioni ambulatoriali e domiciliari. Nelle sedi è impegnato uno staff di specialisti e circa 100 educatori specializzati. Al suo interno troviamo: servizi educativo-riabilitativi; centro diagnostico e di documentazione; settore medico, centro di ricerca.
  

Fiadda
Via Assarotti 15 16122 Genova tel. 010.83.92.594 fax 010.81.59.25 www.afareul.it www.fiadda.it info@fiadda.it

La "Federazione italiana difesa diritti audiolesi" è stata costituita nel 1973. Nata come Federazione si è trasformata nel 1991 in Associazione nazionale. Gli scopi: supporto e assistenza ai genitori; collaborazione con enti e istituzioni per attivare procedimenti di prevenzione, diagnostica precoce, scolarizzazione e inserimento sociale a tutti i livelli; promozione e gestione di servizi, attività di ricerca, corsi di informazione e formazione per famiglie e operatori del settore sanitario ed educativo.

La Fiadda ritiene che le persone sorde, compresi i portatori di sordità profonda, abbiano le medesime potenzialità di qualsiasi loro coetaneo udente e che possano raggiungere un’abilità cognitiva e una competenza linguistica verbale adeguata purché vengano messe in atto tutte le modalità che gli attuali protocolli legislativi e operativi prevedono. In particolare si sottolinea come il linguaggio orale rappresenti la condizione principale per realizzare socializzazione e apprendimento.
  

Anmic
Via Maia 10 - 00175 Roma tel. 06.76.96.11.96 fax 06.76.96.40.06 www.anmic-italia.org info@anmic-invalidicivili.it

L’"Associazione nazionale mutilati e invalidi civili" è nata nel 1956 e ha il fine di rappresentare e tutelare in Italia gli interessi morali ed economici dell’intera categoria degli invalidi civili. Conta 300 mila associati ed è la più grande associazione di settore.

Fin dalla nascita l’Anmic ha fatto continue battaglie sociali (dalle storiche "Marce del dolore" degli anni ’60 alle successive manifestazioni di piazza) per la rivendicazione delle pari opportunità e dei diritti civili degli invalidi.

Di pari passo ha contribuito a elaborare e far approvare tutta la legislazione italiana oggi vigente nel settore dell’invalidità civile. A tutt’oggi è un interlocutore attendibile e indispensabile alle istituzioni nella materia della disabilità.
  

Anffas
Via Emanuele Gianturco 1 00196 Roma tel. 06.36.11.524 www.anffas.net  anffasnaz@tiscali.it

L’"Associazione nazionale famiglia di disabili intellettivi e relazionali", fondata a Roma il 28 marzo 1958, nel febbraio 2000 è stata riconosciuta Onlus. L’obiettivo prioritario dell’Anffas è quello di migliorare le condizioni di vita dei disabili e delle loro famiglie, creando una rete di genitori e familiari informati, preparati e capaci di affrontare con serenità il proprio percorso di vita.

L’Anffas persegue i seguenti scopi: la difesa e l’ampliamento del diritto a vivere una vita non discriminata; la cura e l’assistenza primaria per i familiari disabili; la tutela del diritto delle famiglie a essere aiutate e sostenute.

L’Anffas attua il perseguimento dei propri scopi attraverso: l’assunzione della rappresentanza e della tutela, dei diritti umani, sociali e civili delle persone disabili che non possono rappresentarsi; il sostegno alle famiglie attraverso un servizio informazioni e consulenza di carattere sociale, sanitario, fiscale e legislativo; la promozione dell’integrazione scolastica, la qualificazione e l’inserimento nel mondo del lavoro dei disabili intellettivi e relazionali; la gestione di servizi diurni e residenziali di carattere educativo, riabilitativo, sanitario, assistenziale e sociale.
  

Aias
Via Cipro 4h -00136 Roma tel. 06.39.73.17.04 fax: 06.39.73.17.49 aiasnazionale@tiscalinet.it

L’"Associazione italiana assistenza agli spastici" è nata nel 1954. Dal maggio 1968 è un Ente giuridico e oggi conta oltre 130 sezioni diffuse sull’intero territorio nazionale. Scopo dell’Aias è quello di promuovere ogni utile iniziativa per la riabilitazione e l’integrazione nella scuola e nella società degli spastici e dei disabili tutti. Tra i servizi erogati (tra cui i centri di riabilitazione) particolare impegno è dedicato a incrementare il Servizio informazione attraverso la Biblioteca e il Centro di documentazione, che sono diventati punto di riferimento e di consultazione per operatori, privati, enti.
  

Unidown
Via Alessandro Volta 19/4 16128 Genova tel. 010.58.45.29 fax 010.54.15.27 www.unidown.it unidown@libero.it

L’"Unione nazionale down" è un’associazione sorta nel 1982; raggruppa diverse associazioni che si occupano di persone affette da sindrome di Down. Le Unidown locali hanno sede in numerose città. L’associazione opera per la tutela della sindrome di Down, promuove l’integrazione sociale, scolastica e lavorativa. Stimola gli organismi competenti ad attivare servizi riabilitativi, ambulatoriali e diurni, al fine di riabilitare le persone con la suddetta patologia e aiutarle nella loro crescita e nel raggiungimento dell’autonomia.

Diverse associazioni hanno attivato anche servizi per l’inserimento lavorativo delle persone con sindrome di Down, formando operatori specializzati nel compito di mediazione con le aziende, affiancando nella fase iniziale e monitorando costantemente le persone down inserite nell’ambito lavorativo.

L’Unidown ha promosso nell’"Anno europeo del disabile", la "Giornata nazionale della persona con sindrome di Down" per il 12 ottobre 2003.
  

Oltre noi... la vita
via Curtatone 6 20122 Milano tel 02.55.01.21.98 fax 02.54.13.93.02 www.oltrenoilavita.it info@oltrenoilavita.it

Per dare una risposta concreta al problema della tutela e della qualità della vita per i disabili non autonomi, nella prospettiva del "dopo genitori", nel 1992, l’Isf di Cesano Boscone, la Fondazione Don Gnocchi, l’Aias e l’Anffas di Milano, hanno costituito "Oltre noi... la vita", divenuta in seguito una Onlus.

La missione di "Oltre noi... la vita" è di trovare una soluzione all’angoscia delle famiglie di disabili incapaci di gestire autonomamente la propria vita.

Gli strumenti: il servizio di segretariato sociale che ascolta bisogni e preoccupazioni di ogni singola famiglia e aiuta a progettare il "dopo di noi" dei nuclei familiari; i corsi per "tutori del cuore" rivolti a chi si impegna per rappresentare e tutelare persone incapaci. I corsi formano persone alle quali il tribunale darà incarichi formali; l’associazione volontari costituita da professionisti con specifiche competenze: avvocati, notai, magistrati, operatori sociali, commercialisti e psicopedagogisti.

Daniela Palumbo
  

DIRITTI E DESIDERI DEI DISABILI

Il seguente manifesto è stato realizzato con l’aiuto degli ospiti dell’Istituto Sacra Famiglia. Attraverso un questionario compilato insieme agli educatori, 58 ospiti interni hanno saputo mostrare quale sia la realtà dei loro bisogni. È stato chiesto loro, inoltre, di scrivere una "lettera aperta" al ministro Maroni chiedendo aiuti per migliorare la propria condizione di vita. Il decalogo, composto da cinque diritti e cinque desideri, è il sunto di quanto è emerso dalle loro parole e dai loro pensieri.

  1. Il diritto a essere quello che sono
  2. Il diritto a essere salutato come gli altri
  3. Il diritto ad andare a scuola, a imparare le cose che conoscono gli altri
  4. Il diritto di essere malato
  5. Il diritto a vivere bene anche se sono disabile
  6. Desidero viaggiare e girare il mondo
  7. Desidero avere una famiglia, dei bambini, tornare a casa e abbracciarli
  8. Desidero essere più istruito, vorrei andare a scuola
  9. Desidero che la gente pensi di me che sono buona, simpatica, intelligente
  10. Desidero avere sempre amici, persone che mi vogliono bene anche se non sono come tutti gli altri

  








 

Your browser doesn't support java1.1 or java is not enabled!

 

Famiglia Oggi n. 10 ottobre 2003 - Home Page