Famiglia Oggi.

Logo San Paolo.
Sommario.

Numeri precedenti.        

Cerca nel sito.       

n. 10 OTTOBRE 2003

Sommario

EDITORIALE
La rilevanza di un tema collettivo
di DIREZIONE

SERVIZI
apep00010.gif (1261 byte) Siamo tutti "diversabili"
di CLAUDIO IMPRUDENTE

apep00010.gif (1261 byte) Colmare le lacune culturali
di MARIAPIA GARAVAGLIA

apep00010.gif (1261 byte) Il tutore del cuore
di GIOVANNI GELMUZZI

apep00010.gif (1261 byte) Non solo cooperazione sociale
di CARLO DE ANGELIS

apep00010.gif (1261 byte) Nè un eroe, nè un vinto
di ANDREA PANCALDI

apep00010.gif (1261 byte) Glossario della disabilità
di RENATO PIGLIACAMPO

apep00010.gif (1261 byte) Per un futuro vivibile
di GIORGIO CONCONI

apep00010.gif (1261 byte) Il trampolino di lancio per un figlio
di FRANCESCO BELLETTI

apep00010.gif (1261 byte) Storie di vita
di GIORGIO CONCONI

DOSSIER
Anche noi siamo felici
di DANIELA PALUMBO

RUBRICHE
SOCIETÀ & FAMIGLIA
Osservando gli sguardi dei passanti
di BEPPE DEL COLLE

MASS MEDIA & FAMIGLIA
La televisione del dolore
di ENRICO LOMBARDI

MATERIALI & APPUNTI
Uniti contro la sofferenza
di DANIELA PALUMBO
L'identità nasce dalla relazione
di ROSANGELA VEGETTI
Vivere con la moralità
di FRANCA PASINI

CONSULENZA GENITORIALE
Riconoscere le proprie paure
di LUISA PEROTTI

POLITICHE FAMILIARI
La mamma che torna in ufficio
di FRANCESCO BELLETTI

LA FAMIGLIA NEL MONDO
Il potere femminile in Ruanda
di ORSOLA VETRI

LIBRI & RIVISTE

 

EDITORIALE

La rilevanza di un tema collettivo

La Direzione
   

I molti problemi connessi alle disabilità e le corrette politiche per gestirli, grazie alla pressione delle associazioni familiari, ottengono ampia evidenza nella collettività.

Forse non è solo un fatto formale, di facciata, che l’Unione europea, abbia proclamato il 2003 "Anno europeo del disabile", riconoscendo così la rilevanza di un tema che va oltre i confini nazionali per diventare il segno distintivo di un cammino comune di civiltà e di rispetto per l’individuo.

Di fatto è sul terreno della tutela garantita dalla legge e sull’attenzione che la società pone ai tanti problemi della disabilità (o della diversa abilità, o diversabilità, come si preferisce chiamarla oggi con un linguaggio meno crudo) che si può misurare il cammino compiuto e la distanza che ancora separa il nostro Paese da altri più evoluti in questa materia. Un esempio fra tanti: in questo numero si parla di tutela giuridica degli incapaci maggiorenni e del "dopo", cioè della preoccupazione di assicurare un domani sereno al disabile quando rimarrà senza genitori. È uno dei tanti problemi senza risposta che ancora attendono una soluzione, lasciando centinaia di famiglie nell’angoscia del domani. Nonostante i progressi compiuti negli ultimi decenni nel campo del welfare, occorre riconoscere che c’è ancora molto cammino da compiere per assicurare una pari qualità della vita anche alle persone più deboli e alle loro famiglie.

Ci sono in Italia numerose famiglie che vivono avendo in casa una persona da accudire: anziani per lo più, ma anche giovani e adulti ancora nel pieno vigore dell’esistenza, impossibilitati a svolgere con piena funzionalità un’attività della vita quotidiana. È una realtà rimasta a lungo sommersa e dimenticata, nell’inadeguatezza delle leggi e nell’opaca visione di una società che lasciava alle famiglie il peso dell’assistenza e della tutela o delegava la soluzione del problema a strutture pubbliche o volontaristiche non sempre all’altezza dei compiti e delle esigenze di un Paese civile.

Da qualche tempo tuttavia, seppure tra molte difficoltà e ritardi, i problemi connessi alle diverse forme di disabilità e le corrette politiche per gestirli, grazie anche all’attività e alla pressione delle associazioni familiari, sembrano essere emersi nella loro reale evidenza. Tutto ciò trova ampia considerazione nella cultura sociale e fa maturare una nuova sensibilità collettiva, sia nell’ambito istituzionale, che in quello della pubblica opinione.

La stessa qualità della vita dei disabili in molti casi ha fatto grandi progressi, si sono raggiunti nuovi traguardi nel campo del lavoro e della scuola. Soprattutto se ne parla e se ne discute di più, si tengono convegni, si sollecita un approccio più rispettoso della persona; è nato persino un "tribunale" per la difesa dei diritti dei disabili.

 

La direzione








 

Your browser doesn't support java1.1 or java is not enabled!

 

Famiglia Oggi n. 10 ottobre 2003  - Home Page