N. 9/10 novembre - dicembre 2010

Sommario.

Alla scuola del piccolo Maestro
  
Silvio Sassi

1910: una maggior luce
  
Gabriel A. Rendón Medina

Un’assenza che è presenza
  
Anna Pappalardo

Vagabondo per Dio
   Mauro Ferrero

"Il tuo biglietto per il Paradiso"
   Beatrice Immediata

Una paolina colta e coraggiosa
   Livia Bianconi

L’Ebook Fest di Fosdinovo
   Claudia Camicia

Ferrua e Alberione
   Mercedes Mastrostefano

Insieme per la pace e la giustizia
  
Angelo Montonati

Davanti al Presepe
   Sergio Deltrio

Famiglia Paolina nel mondo
   
a cura della Redazione

Oltre il fare...
   Sandro De Bonis

Novità multimediali
   a cura della Redazione

Preghiamo per...

Si sentì profondamente obbligato
   Mercedes Mastrostefano
   

Cooperatore Paolino n. 9/10 novembre-dicembre 2010 - Copertina

Famiglia Paolina nel mondo
  

    
ALBA - Visita del nuovo vescovo mons. Lanzetti

Il 27 ottobre scorso il nuovo vescovo di Alba, mons. Giacomo Lanzetti, ha visitato il comprensorio paolino albese per conoscere le comunità e le realtà apostoliche paoline. La visita ha significativamente avuto il suo inizio a Gazzetta d’Alba, settimanale da sempre legato alla Diocesi. Del resto don Antonio Rizzolo oltre che direttore del settimanale, è anche Direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali. Naturalmente mons. Lanzetti ha potuto costatare che nella redazione albese, accanto a Gazzetta, ci sono altre tre testate di portata nazionale: Vita Pastorale, La Domenica, Madre di Dio. Dopo il vescovo ha voluto incontrare i paolini malati residenti nell’infermeria di Alba (foto sotto). 

Si è intrattenuto affabilmente con ciascuno di loro e ha dato la sua benedizione. Poi è stato accompagnato nel maestoso Tempio San Paolo. Gli sono stati illustrati i motivi ideali che hanno guidato don Alberione a erigere questo luogo di culto, i pregi artistici dell’edificio e i due elementi che storicamente non hanno mai abbandonato l’azione pastorale del Tempio e che offrono un valido contributo anche alla Diocesi: l’adorazione diurna continuata e la presenza regolare di sacerdoti per le confessioni. Poi mons. Lanzetti è stato introdotto al nostro apostolato. Ha visitato il magazzino, la legatoria e lo stabilimento Rotoalba (foto sotto). 

Qui ha rilevato il grande fermento di attività e si è intrattenuto con tutti i presenti. La visita del nuovo vescovo di Alba si è conclusa con il pranzo comunitario. Accanto a mons. Lanzetti c’erano i superiori locali e i direttori di testata con i quali ha potuto ulteriormente approfondire la significativa presenza paolina in Alba.

(don Tarcisio Cesarato)
  

     
ROMA - Nuovo Superiore Provinciale

Don Vincenzo Marras.Il Superiore Generale don Silvio Sassi il 6 ottobre ha nominato don Vincenzo Marras Superiore Provinciale della Società San Paolo in Italia per i prossimi quattro anni. Don Vincenzo è nato a Cabras (Oristano) il 30 settembre 1951. Entrato nella Società San Paolo il 20 settembre 1962, ha emesso la Professione Religiosa l’8 settembre 1973 ed è stato ordinato sacerdote il 29 settembre 1979. Dopo gli studi teologici si è specializzato in comunicazione alla Facoltà di Scienze dell’educazione all’Università Salesiana di Roma. Giornalista professionista, dal 1984 ha lavorato al mensile Jesus, di cui è diventato Vicedirettore nel 1987 e successivamente Direttore dal 1996. Nel 2008 è stato nominato Direttore Responsabile delle emittenti regionali Telenova e Telesubalpina. Al contempo è stato nominato Direttore Responsabile di Radio Marconi, emittente radiofonica che la Società San Paolo gestisce in comproprietà con la diocesi di Milano. A don Vincenzo Marras facciamo di cuore l’augurio di un fecondo servizio.
   

    
ARICCIA - Professione tra le annunziatine

Durante l’ultimo corso di Esercizi spirituali, che si è tenuto presso la Casa Divin Maestro di Ariccia dal 13 al 21 agosto, l’Istituto S. Maria Annunziata ha avuto la grazia di festeggiare vari eventi: uno dei quattro 25mi dell’Istituto, la Prima Professione come Annunziatina di Giusy Ficarra (foto sotto), tre rinnovi e l’ingresso in Noviziato di cinque giovani. Ringraziamo il Divino Maestro per la sua infinita bontà e affidiamo ciascuna alla protezione della Vergine Annunziata.


   

   
CASTEL GANDOLFO - 25° di Professione religiosa

Si è festeggiato, il 30 ottobre scorso, vigilia della solennità di Gesù Maestro, il 25° di professione religiosa di sr. Gianna Di Bari e di sr. Marina Beretti. Dopo 25 anni è sempre molto bello celebrare la realtà del Dio fedele che chiama, e la risposta perseverante dei chiamati, in tutte le vocazioni. 

È stata quindi grande la gioia di sr. Gianna e di sr. Marina: gioia condivisa dalle consorelle, da parenti e amici, soprattutto della Famiglia Paolina. Gioia nel ringraziamento e nella generosa riconsegna di sé, vissuti nella Celebrazione eucaristica. Questa è stata presieduta da don Emilio Cicconi ssp, insieme a molti altri sacerdoti concelebranti. 

Ed ora nuovamente si riprende il cammino: la meta è ancora quella di conformarsi sempre più al Maestro, la Via, la Verità e la Vita, per efficacemente "consumare la vita per le vocazioni", aiutate dall’intercessione della Regina degli Apostoli.
   

   
CATANIA - Incontro annuale ex allievi

Da diversi anni la Comunità paolina di Catania organizza, con la collaborazione e la presenza di don Olinto Crespi, un incontro annuale degli ex-allievi paolini. Al di là della nostalgia del tempo trascorso insieme, l’incontro è sempre un’occasione propizia per la continua riscoperta di valori: l’amicizia, la condivisione di esperienze comuni, il rispetto vicendevole che hanno segnato gli anni della giovinezza. 

Certamente, un elemento che ha caratterizzato gli incontri e ha rinsaldato positivamente l’esperienza, sono stati i temi trattati, attuali, molto partecipati, nello scambio del proprio vissuto. Quest’anno, 29 agosto 2010, il tema trattato è stato: "Emergenza educativa" secondo la spiegazione dei vescovi: 1. La riscoperta della identità. 2. La riscoperta dell’autorità. 3. La riscoperta della socialità. 4. La riscoperta della spiritualità. Aspetti interessanti per avviare uno scambio di opinioni in base alle proprie esperienze. Il desiderio di incontrarci ci ha proiettato verso l’anno 2011 allo scopo di rinsaldare sempre più la nostra paolinità.

(O. C.)
  

   
ALBA - Sr. Zita Braida, missionaria centenaria

Era il 17 maggio 1964, quando sr. Ignazia Balla, allora Superiora Generale, invitò sr. Zita Braida verso la missione. Poche e semplici parole: "Pensiamo che saresti utile e gradita nella casa di La Paz, in Bolivia, dove potresti fare tanto del bene alle sorelle e a quella terra che ne ha tanto bisogno". A La Paz le prime due sorelle erano giunte nel novembre 1963 e vivevano i difficili tempi degli inizi, colmi di povertà ma anche di un grande entusiasmo apostolico. Sr. Zita aveva Sr. Zita Braida.cinquantaquattro anni, essendo nata a San Lorenzo di Manzano (Udine), il 16 settembre 1910, ed era entrata tra le Figlie di San Paolo 1931. Accolse con gioia l’invito a partire per una terra sconosciuta, oltre oceano, in una città a oltre quattromila metri d’altezza. Giunse a La Paz, capitale della Bolivia, insieme a sr. Roberta Gambadoro, nell’autunno del 1964. Le veniva chiesta la missione particolare della cucina, nell’attenzione e cura delle sorelle. Ma il suo cuore spaziava oltre le mura della casa, si interessava della gente, coglieva ogni occasione per partecipare alla diffusione di Bibbie, Vangeli, Catechismi; la gente boliviana era entrata nel cuore, per tutti pregava e tutti portava nella sua offerta quotidiana. Rimase missionaria in Bolivia e Perù fino al 1993, con la sua presenza di serenità e di pace, di servizio e di tanto amore. Ancora oggi, le sorelle avvertono la sua nostalgia e la ricordano con grandissimo affetto. Al rientro in Italia, ormai ottantatreenne, non ha smesso di servire nella grande comunità di Alba, donando tutta se stessa nella semplicità e nella gioia. Il 16 settembre scorso sr. Zita Braida ha potuto ringraziare il Signore per i cent’anni di vita. Molte persone le hanno fatto corona in questa bellissima circostanza: i nipoti, le sorelle della comunità e della provincia italiana ma specialmente le sorelle del Perù e della Bolivia che considerano sr. Zita ancora appartenente alla loro delegazione e che hanno conservato vivo il ricordo della sua amabilità, della sua benevolenza, della sua generosità. Con il cuore colmo di riconoscenza, porgiamo a sr. Zita gli auguri più affettuosi. La sua vita continui ad andare oltre, oltre ai cent’anni… e continui a fecondare la congregazione delle Figlie di San Paolo, la Chiesa, la Diocesi albese.
  

   
ROMA - Corso sul Carisma Paolino

Lo scorso 28 settembre 2010, presso la sottocripta del Santuario Regina Apostolorum, si son radunati alcuni membri della Famiglia Paolina per accompagnare e pregare insieme ai nostri confratelli e consorelle che quest’anno frequentano il Corso di Formazione sul Carisma della Famiglia Paolina. 

Il Corso è già alla sua XIV edizione, e i partecipanti sono 19, provenienti da dodici circoscrizioni: Argentina (1), Brasile (2), Corea (1), Filippine (3), Italia (3), Giappone (2), Malaysia (1), Messico (1), Mozambico (1), Perú - Cile (2), Polonia (1) e Spagna (1). Quest’anno, per seconda volta, il gruppo è arricchito dalla presenza degli Istituti Aggregati: due Annunziatine, un'italiana e una filippina.
   

   
ROMA - Incontro per "ri-sentirci" Paolini

Sabato 25 e domenica 26 di settembre del 2010 oltre 70 persone hanno partecipato al 7° incontro degli uomini e delle donne con un trascorso tra le fila della Congregazione Paolina. Stare in una casa Paolina, per noi che ci consideriamo PaoliniSempre, è significativo nonché fondante del nostro stare insieme: sia perché in quelle case ci sono le nostre radici; sia per condividere il nostro momento di aggregazione con i Paolini della Comunità Paolina, amici con cui abbiamo trascorso un periodo di vita che ci ha segnato; sia, che è e resterà la nostra vecchia famiglia. 

Ancora una volta nel nostro incontro di due soli giorni, abbiamo respirato la sensazione di stare bene tra noi, abbiamo assaporato il piacere di vederci fisicamente, siamo stati rigenerati in un lavacro di gioventù nel reciproco raccontarci fatti ed emozioni dei lontani anni paolini. L’appuntamento per risentirci uniti e solidali nella vita e per la vita è ora per il prossimo anno, il luogo è da definire.

(Piero Azzena)

Per contatti: Barale Giovanni: tel. 388.6100.032; giovannibarale@yahoo.it Barale Pieraldo: tel. 334.1846.501; pieraldobarale@yahoo.it Bettassa Francesco: tel. 347.5249.038; frankybered@gmail.com
  

   
FRANCIA - La Librairie Saint-Paul di Parigi

Dopo 63 anni di presenza nel quartiere di Saint-Germain-des-prés a Parigi, lunedì 18 ottobre, la Librairie Saint-Paul ha trasferito la sua sede e ha inaugurato i nuovi locali nel nono distretto di Parigi, scelto a motivo della sua dimensione umana, 35.000 nuclei familiari, una vita di quartiere vivace, accanto ai grandi magazzini di Parigi (Lafayette, Printemps...), alla Stazione ferroviaria Saint-Lazare, a luoghi di culto importanti e pastoralmente molto attivi: Notre-Dame-de-Lorette, la Trinité, Saint-Louis d’Antin. L’obiettivo di questo cambiamento è quello di accompagnare la vita quotidiana dei parigini e di contribuire alla vitalità culturale e spirituale del nono distretto. Presente all’inaugurazione, una nutrita folla di clienti e amici, di professionisti librai, editori, giornalisti e operatori della comunicazione.

Tra le autorità, i paolini di Parigi hanno avuto l’onore della presenza del Superiore Generale, don Silvio Sassi e del Vice-economo generale, fr. Lorenzo Vezzani, del vescovo ausiliare di Parigi, mons. Renauld de Dinechin, del sindaco del nono distretto, Jacques Bravo, del vicepresidente del Syndicat national des éditeurs, Vincent Montagne, del presidente del gruppo delle librerie indipendenti Siloë, Hubert Emmery. Fedele al carisma fondazionale dell’annuncio del Vangelo attraverso la comunicazione di massa e alla consegna del beato don Giacomo Alberione di andare incontro alla gente, la Librairie Saint-Paul si propone come punto di riferimento per i credenti, per coloro che sono aperti alla dimensione religiosa e spirituale, per coloro che amano i libri e la lettura.
   

  
ROMANIA - Insieme per il Vangelo!

Tutto faccio per il Vangelo! Ecco lo slogan paolino che ha illuminato la missione biblica tenutasi nella bellissima città di Piatra Neamt a Nord-Est della Romania. Missione realizzata grazie alla collaborazione delle Figlie di San Paolo di Bucarest, dei Paolini di Vicenza, di giovani provenienti dalle diverse parti della Romania e dell’Italia e del parroco della parrocchia di Santa Teresa di Lisieux di Piatra Neamt, dove si è svolto il cammino biblico sulle orme dell’Apostolo Paolo. L’obiettivo di tale iniziativa è stato quello di donare a tutti: bambini, adolescenti, giovani e adulti, l’occasione di incontrare Gesù attraverso l’Apostolo Paolo annunciatore infaticabile del Vangelo.

A tutte le famiglie è stata consegnata una copia delle lettere di San Paolo in lingua rumena. Sono stati giorni di luce e gioia, di preghiera e approfondimento biblico, di animazione e fraternità, di avventura e lavoro, di incontro e di scambio, di fraternità e di dialogo ecumenico, di testimonianza vocazionale e impegno. Nato nell’Anno Paolino, questo viaggio senza frontiere continua perché i giovani animatori e collaboratori del Vangelo, accompagnati dalle Figlie di San Paolo e da don Domenico Soliman ssp, si incontreranno ancora sulle strade digitali o su quelle delle nostre città, per poter comunicare il Vangelo fra la gente.
  

   
MURCIA - SPAGNA - Nuova Libreria a Murcia

Dal 15 settembre nella città di Murcia è stata aperta una nuova Libreria San Pablo, di fronte alla Porta degli Apostoli della Cattedrale, intende servire la città di Murcia e dintorni. Si raggiungono così dieci librerie in Spagna: Madrid (due), Bilbao, Oviedo, Palma de Mallorca, Pamplona, Santiago de Compostela, Sevilla, Zaragoza e ora anche a Murcia.

Il 20 di ottobre la libreria è stata benedetta dal vescovo di CartagenaMurcia mons. José Manuel Lorca Planas con la presenza di importanti autorità civili ed ecclesiastiche e di circa 170 persone. Erano presenti per la San Pablo don Antonio Maroño, Superiore Provinciale; don Juan Antonio Carrera, Direttore Generale, il diacono Octavio Figueredo, Direttore Editoriale, don Lázaro García, Direttore Commerciale e don Benito Pérez, Direttore Amministrativo, erano anche presenti altri paolini e collaboratori.
   

  
Giovanna Petralito.Un grande dovere di riconoscenza unisce la Famiglia Paolina di Catania a quella della signora Giovanna Petralito: Cooperatrice e amica dei Paolini. Una giovane mamma salita al cielo per un infarto a soli 48 anni, lasciando nel dolore il marito Alfio Sciuto, due figli, la mamma e due sorelle. La sua vita è stata spesa per gli altri, un vero faro di luce e di amore, avendo fatto parte attiva anche dell’organizzazione dell’Unitalsi. Grande devota della Vergine Maria di Lourdes emanava luce, pace e gioia. Vogliamo esprimere la nostra più viva partecipazione al dolore dei congiunti, con il conforto della nostra preghiera, cogliendo alla luce dell’evento pasquale il significato della sua morte. Già nell’antichità qualcuno scrisse: "Anche noi veniamo accesi e poi spenti: nel tempo intermedio dobbiamo patire qualcosa, ma prima e dopo ci sarà una profonda sicurezza: il riassorbimento nella sfera divina". E sant’Agostino ci conforta ricordandoci: "Non si perde mai colui che si ama". Gesù infine dall’alto della Croce ci ricorda la confortante verità che dà senso alla nostra esistenza: "Oggi sarai con me in Paradiso".

(don A. Maselli)