ATTENZIONE! Il sito del Centro Internazionale Studi Famiglia ha cambiato indirizzo.

Tra qualche secondo verrete indirizzati al nuovo sito.
Se non dovesse accadere, cliccate qui:
www.famigliacristiana.it/canale/cisf



Your browser doesn't support java or java is not enabled! 
























 

 

 

Seminari e convegni
    

I sindacati e le imprese vedono la famiglia?
La  conciliazione tra famiglia e lavoro:
una sfida per il mondo dell’impresa

 
Roma, 16 maggio 2007
Cnel, Sala della Biblioteca
Viale Lubin 2

(scheda d'adesione in fondo pagina)
Con il patrocinio del CNEL

PRESENTAZIONE

Lo sguardo della famiglia sul mondo del lavoro è “speciale”: esso privilegia aspetti trascurati o addirittura dimenticati dalle imprese e dai lavoratori stessi, pretendendo una prospettiva globale troppo spesso ignorata. Per le famiglie conta il reddito ma anche il tempo disponibile al di fuori del lavoro, contano le condizioni di lavoro ma anche i servizi per la custodia dei figli e delle persone fragili, conta la stabilità e la sicurezza ma anche la flessibilità dei tempi e degli orari.
In effetti la famiglia si pone come una sorta di luogo sociale di mediazione e combinazione di esigenze, bisogni e risorse di cui il mondo del lavoro ha certamente bisogno, in una relazione circolare che non può essere interrotta: da un lato in famiglia si decidono percorsi di vita e professionali  dei vari membri, si scelgono vocazioni professionali, ci si fa carico dei “problemi da lavoro” delle persone (disoccupazione, stress, tensioni, redditi). Dall’altro, lavoro ed economia sfidano costantemente la famiglia, offrendo risorse eopportunità, ma anche mettendo a rischio la sua tenuta, con continue richieste di adattamenti per una “famiglia a misura di lavoro”.

La sfida della contemporaneità, nel rapporto tra famiglia e lavoro, si pone oggi proprio su questo aspetto: è possibile costruire un modello per cui non sia “la famiglia al servizio del lavoro”, ma “il lavoro a servizio della famiglia”?
Su questa domanda, lanciata già nel 2005 dal Nono rapporto Cisf, intendiamo interrogarci anche oggi, soprattutto con chi genera il lavoro: le imprese e i lavoratori.

Si ringrazia CNEL e le Edizioni San Paolo per la fattiva collaborazione.

 

Mercoledì 16 maggio 2007
PROGRAMMA PROVVISORIO
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 
    

9.00 – 9.30 Saluti e apertura dei lavori
Antonio Marzano, Presidente Cnel
Antonio Sciortino, Presidente Cisf
10.00 - 12.00 I SESSIONE: LE QUESTIONI DI FONDO
Coordina
:
Giuseppe Acocella, Vicepresidente Cnel

Famiglia e lavoro: dal conflitto a nuove sinergie?
Pierpaolo Donati
, Ordinario di Sociologia della famiglia, Bologna
Riformare il lavoro: ancora molto da fare…
Tiziano Treu
, Presidente Commissione Lavoro, Senato
Lavoro e pensioni: nemici o alleati?
Giuliano Cazzola
, Esperto, Centro Studi Marco Biagi

12.00- 13.00 Dibattito
Conclusioni

Le "nuove" politiche del lavoro alla prova della famiglia
Rosa Rinaldi, sottosegretaria di Stato, Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale

14.30 – 15.30

II SESSIONE: BUONE PRATICHE ALLA PROVA
Coordina
:
Maria Teresa Fagà, Consigliere CNEL

Tre testimonianze
- Bracco o IKEA
- Una realtà di economia sociale
- Provincia di Trento, Luciano Malfer, Dirigente Politiche sociali e abitative

15.30 - 16,00

Flessibilità e conciliazione oggi:
un confronto tra le forze sociali

16,00 - 18.00

Tavola rotonda
Coordina: Francesco Belletti, Direttore Cisf

Intervengono:
- Confidustria
- Api
- CGIL
- CISL
- Confcooperative, Felice Scalvini (da confermare)
- Forum associazioni familiari

Conclusioni
Le "nuove" politiche per la famiglia alla prova del lavoro
Rosi Bindi
, Ministro delle Politiche per la famiglia

In questa sede verrà presentatala Banca Dati sulle buone pratiche di conciliazione Famiglia – Lavoro, un’unica e specifica fonte di informazioni a livello nazionale, consultabile on-line

Segreteria organizzativa:CISF, Via Giotto 36 – 20145 MILANO
Tel.: 0248072703
Fax: 0248072799
e-mail:
cisf@stpauls.it
La partecipazione è gratuita.
E’ gradita comunque l’iscrizione a causa dell’esiguo numero di posti

Modulo di adesione


Scheda di adesione

I sindacati e le imprese vedono la famiglia?

Nome
Cognome
Professione
Ente
Indirizzo Ente
Città 
Prov      Cap
Indirizzo privato
Città 
Prov      Cap
Telefono
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Campi facoltativi
Fax
E-mail
         
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Prendo atto che i miei dati e quelli della mia azienda sono di natura facoltativa e saranno oggetto di trattamento informatico da parte dell'Associazione don Giuseppe Zilli per l'invio di eventuale materiale informativo, pubblicitario o promozionale a norma dell'art. 12, comma 1, lettera f della legge 675/96. Per le stesse finalità acconsento alla diffusione dei dati in questione alle società vostre controllanti, alle società da voi controllate e partecipate, alla vostra rete di vendita, a vostri subfornitori ed alle società che effettuano indagini inerenti la soddisfazione dei clienti, nonché per referenze commerciali. In ogni momento potrò chiedere tra l'altro al titolare, l'Associazione don Giuseppe Zilli, la modifica, il non utilizzo o la cancellazione dei miei dati, secondo quanto previsto dall'art. 13 della stessa legge, scrivendo a Associazione don Giuseppe Zilli, Via Duccio di Boninsegna 10, 20145 Milano.
Se non si desidera acconsentire alla diffusione dei dati come sopra indicato barrare la casella.
                                                

 

 


Cisf - Codice fisc/P. Iva 05023630964
Modificato mercoledì 24 novembre 2010
Sito gestito dalla Società Apostolato San Paolo
©
S.A.S.P. S.r.l., Via A. Severo 56 - Rome - Italy
Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 02296520048
Capitale sociale € 1.523.023,00 i.v.

back to top

 


   

Modalità d'utilizzo


   

   

   

Il Centro Documentazione del CISF è dotato di oltre 6.000 volumi, più di 100 testate di riviste specializzate, suddivise cinque aree d'interesse:
pastorale familiare
formazione e 
   dinamica
   della coppia
età evolutiva
problematiche
   collegate alla 3a età
bioetica

 


aggiornamento per chi è interessato a conoscere quanto di rilevante viene pubblicato sulla famiglia