ATTENZIONE! Il sito del Centro Internazionale Studi Famiglia ha cambiato indirizzo.

Tra qualche secondo verrete indirizzati al nuovo sito.
Se non dovesse accadere, cliccate qui:
www.famigliacristiana.it/canale/cisf



Your browser doesn't support java or java is not enabled! 
























 

 

 

Rapporti

TITOLO:

Ri-conoscere la famiglia: quale valore aggiunto per la persona e la società?

A CURA DI:

Pierpaolo Donati

CONTRIBUTI DI:

Andrea Bettetini, Donatella Bramanti, Luigino Bruni, Vittorio Cigoli, Francesco D'Agostino, Pierpaolo Donati, Fabio Macioce, Gabriele Pollini, Franco Poterzio, Giovanna Rossi, Eugenia Scabini, Lucetta Scaraffia, Luca Stanca

NR. PAGINE:

440

EDITORE:

Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo (MI)

ANNO:

2007

COSTO:

€ 29.50

Offerta temporanea
Sconto 20%
€ 23.60

Se desiderate ricevere questo volume potete scrivere al seguente indirizzo: cisf@stpauls.it

Modalità pagamento: (sottolineare la modalità preferita)
Bonifico bancario intestato a:
Cisf – Centro Internazionale Studi Famiglia, Via Giotto 36 – 20149 Milano
Codice Iban IT60K0306909467615244338532
Bollettino postale intestato a:
Cisf – Centro Internazionale Studi Famiglia, Nr. 69356400

 

INDICE

Il Decimo Rapporto sulla famiglia in Italia continua la tradizione, ormai ventennale, con cui il Cisf (Centro Internazionale Studi Famiglia) si impegna ogni due anni a fornire al pubblico una lettura dei problemi della famiglia italiana nell’ottica di un tema specifico, che comporta nuove conoscenze dei fenomeni in atto e nuovi corsi di azione pratica.
L’approccio è laico, nel senso che si pone sul piano della ragione umana e cerca di dare ragioni argomentate che tutte le persone possono comprendere, anche se non necessariamente condividere.
Il tema scelto per questo Rapporto è di grande attualità. Di fronte alle pressanti richieste di riconoscere le cosiddette "nuove famiglie", che vengono chiamate con varie etichette (unioni civili, convivenze more uxorio, convivenze omosessuali, ecc.), e ai crescenti riconoscimenti già ottenuti o ottenibili per queste forme di aggregazione, quali sono le ragioni che ancora possono motivare il sostegno a "la" famiglia? Ovverosia: perché possiamo ancora parlare di una "famiglia" che mantiene delle differenze con altre forme sociali che pretendono di chiamarsi famiglia o quanto meno di avere gli stessi trattamenti? Quali differenze, quali diversità – se pure esistono – possono giustificare le distinzioni, sia teoriche sia pratiche, che ancora ci fanno parlare di famiglia anziché di unioni civili o altro?
Da un lato, coloro che sostengono i diritti delle persone che con-vivono a ricevere riconoscimenti uguali, simili o analoghi a quelli dati alla "famiglia" sono chiamati a dimostrare in che cosa queste unioni sono uguali, simili o analoghe alla famiglia. Dall’altro, chi sostiene la specificità della famiglia è tenuto a dare conto – con nuove ragioni – del perché la famiglia non sia assimilabile alle altre forme di vita comune. Questi sono i problemi a cui il presente Rapporto intende rispondere.
Le risposte non possono essere date facilmente. Molti ritengono che i problemi possano essere risolti in modo semplice, cioè dando a tutte le forme di convivenza anagrafica il titolo di famiglia. Ma se questo modo di risolvere i problemi può avere un’utilità linguistica, nel senso che ci può servire nel discorso ordinario della vita quotidiana – "tanto per capirsi" –, esso non resiste un solo minuto quando si devono definire i concreti diritti e i doveri delle persone che adottano una forma di vita o l’altra. Non si tratta solo di un problema di riconoscimenti pubblici, per esempio per usufruire di benefici di welfare. Ma si tratta anche di riconoscimenti fra privati (per esempio nella divisione di una eredità), e, prima ancora di questo, si tratta di un problema interiore ed esistenziale del singolo individuo, quando si accorge di non riconoscersi più in un’identità personale e familiare che credeva di avere.
Il presente Rapporto intende gettare una nuova luce su questi aspetti così rilevanti della nostra organizzazione sociale.
  
   

Ri-conoscere la famiglia: quale valore aggiunto
per la persona e la società?

INDICE con SINTESI  CAPITOLI

Presentazione

LA FAMIGLIA TRA PASSATO E FUTURO: LA SFIDA DEL RI-CONOSCIMENTO
(Pierpaolo Donati)


Ri-conoscere la famiglia attraverso il suo valore aggiunto
Di Pierpaolo Donati

Il valore della famiglia in Italia ed in Europa tra continuità e cambiamento
di Gabriele Pollini

Famiglie al confine tra familiare e comunitario
di
Giovanna Rossi e Donatella Bramanti

Identità della famiglia migrante e diversità culturale
di
Eugenia Scabini e Vittorio Cigoli

Metamorfosi della famiglia contemporanea e psicopatologia: l'osservazione clinica
di Franco Potenzio

Famiglia e felicità: un analisi del rapporto tra condizioni, valori, relazioni familiari e benessere individuale
di Luigino Bruni e Luca Stanca

Il valore aggiunto dei processi di istituzionalizzazione della famiglia rispetto alla sua privatizzazione

di Andrea Bettetini

Che cosa significa “riconoscere” la famiglia dal punto di vista giuridico
di Francesco D'Agostino e Fabio Macioce

Una riflessione sul valore aggiunto della famiglia in prospettiva storica
di Lucetta Scaraffia

Conclusioni:
RICONOSCIMENTO COME RESPONSABILITA' DELLA FAMIGLIA E VERSO LA FAMIGLIA
(Pierpaolo Donati)

Allegati statistici a cura del CISF


Cisf - Codice fisc/P. Iva 05023630964
Modificato mercoledì 24 novembre 2010
Sito gestito dalla Società Apostolato San Paolo
©
S.A.S.P. S.r.l., Via A. Severo 56 - Rome - Italy
Sede legale: Piazza San Paolo,14 - 12051 Alba (CN)
Cod. fisc./P.Iva e iscrizione al Registro Imprese di Cuneo n. 02296520048
Capitale sociale € 1.523.023,00 i.v.

back to top

 


   

Modalità d'utilizzo


   

   

   

Il Centro Documentazione del CISF è dotato di oltre 6.000 volumi, più di 100 testate di riviste specializzate, suddivise cinque aree d'interesse:
pastorale familiare
formazione e 
   dinamica
   della coppia
età evolutiva
problematiche
   collegate alla 3a età
bioetica

 


aggiornamento per chi è interessato a conoscere quanto di rilevante viene pubblicato sulla famiglia